| categoria: In breve, Senza categoria

SCHEDA/ Prima di Schumaker e Merkel, tutte le cadute dei vip

Quelli della cancelliera tedesca Angela Merkel e dell’ex stella della Formula 1 Michael Schumacher sono gli ultimi di una lunga serie di incidenti avvenuti sugli sci a personaggi noti del mondo della politica, dello sport, dello spettacolo e non solo negli ultimi anni. Nel gennaio del 1998 Sonny Bono, cantante e politico americano, perse la vita a 62 anni finendo contro un albero mentre stava sciando in Nevada. A distanza di tre anni, nel febbraio del 2001, la principessa Carolina di Monaco, che all’epoca aveva 44 anni, si scontrò con un altro sciatore a Arlberg, in Austria, subendo un grave infortunio al ginocchio. Quasi otto fa, era il dicembre del 2006, l’allora governatore della California Arnold Schwarzenegger, a 59 anni, si ruppe una gamba sulle piste da sci dell’Idaho. L’ex bodybuilder e attore fu operato tre giorni dopo in California. Ben più grave fu invece l’incidente di Dieter Althaus: quando era a capo del land tedesco della Turingia, nel gennaio del 2009 ebbe un incidente sulle piste da sci austriache, scontrandosi con una donna di 41 anni. Quest’ultima morì a seguito delle ferite riportate, mentre il politico subì una lesione cerebrale traumatica. Althaus fu poi riconosciuto colpevole di omicidio colposo. E anche il mondo dello spettacolo non è esente da incidenti del genere. L’attrice britannica Natasha Richardson, figlia di Vanessa Redgrave, morì all’età di 46 anni, nel marzo del 2009, dopo una caduta durante una lezione privata di sci, in una pista per principianti canadese. L’attrice subì una lesione cerebrale e morì. Si sostiene che la donna avrebbe rifiutato le cure mediche, prima di essere ricoverata in ospedale per il mal di testa.Non fu mortale, ma comunque grave, l’infortunio nel maggio del 2011 di Heather Mills, l’ex moglie della stella dei Beatles Paul McCartney. Mills, che perse una gamba per un incidente stradale nel 1993, si trovava in Austria per una pubblicità della squadra di sciatori disabili britannica quando nell’incidente si ruppe una scapola. È finita in tragedia, invece, la storia del principe Friso d’Olanda: a 43 anni, nel febbraio del 2012, il principe venne travolto da una valanga mentre stava sciando a Lech, in Austria, subì danni al cervello ed entrò in coma. Dopo 18 mesi, il secondogenito dell’ex regina Beatrice morì il 12 agosto dell’anno scorso. Ma quello del principe olandese non è l’ultimo caso ‘realè di incidenti in montagna. Vittoria, principessa ereditaria di Svezia, solo un mese si è fatta male ad un piede in una caduta dagli sci, mentre era in vacanza con la sua famiglia in Svizzera. La principessa, 36 anni, è stata assistita in ospedale, ma un portavoce della famiglia ha precisato che l’incidente non era «per niente drammatico». Diverso il caso della leggenda della Formula 1 Michael Schumacher in coma dopo un brutto incidente sugli sci, avvenuto tra le nevi francesi di Meribel, poco più di una settimana fa, il 29 dicembre.

Ti potrebbero interessare anche:

STORIE/ Dalla disabilità ai successi olimpici, quando la riabilitazione ti tiene a galla
SCUOLA/ E' salasso per libri e corredo: per le famiglie oltre mille euro a figlio
BOX/ Carminati, "Sono re di Roma, in strada comandiamo noi"
PROFILO/ Varoufakis, guru anti-austerity, "nemico della troika"
Kosovo, Thaci eletto presidente, scontri in piazza
Fmi, tribunale Parigi condanna Lagarde



wordpress stat