| categoria: Dall'interno

AVELLINO/ Muore in ospedale, una famiglia le occupa l’alloggio

Una paziente di 80 anni muore in ospedale ad Avellino, dopo sette giorni di ricovero, e una famiglia del quartiere, che teneva d’occhio le sue condizioni di salute, appena ne viene a conoscenza organizza un blitz e si appropria indebitamente del suo alloggio Iacp. Il fatto è accaduto lunedì pomeriggio, quando Giovanna Nazzaro, questo il nome dell’anziana donna, è spirata nell’ospedale Moscati del capoluogo irpino. Ora il sindaco di Avellino, Paolo Foti, annuncia una ordinanza di sgombero ad horas, per «ripristinare il diritto e la civiltà che sono stati cancellati in nome di presunti diritti». Giovanna, che tra qualche mese avrebbe compiuto 80 anni, era assegnataria di un alloggio di proprietà dell’Iacp in via Generale Rotondi, nel Rione Parco del capoluogo irpino in cui viveva da sola, dopo la scomparsa, alcuni anni fa, di una sorella. A scoprire che l’abitazione era stata occupata è stato un nipote di Giovanna Nazzaro che si era recato a casa per prendere indumenti e vestiti per comporre la salma. Giunto davanti alla porta d’ingresso si è accorto che la serratura era stata cambiata. I «nuovi inquilini», che hanno scardinato la porta di ingresso dell’abitazione posta al primo piano di una palazzina, nel frattempo, infatti, avevano provveduto a cambiare la serratura e stamattina, mentre venivano celebrati funerali, hanno anche sostituito gli infissi esterni dell’abitazione. Gli occupanti, una famiglia di Avellino, evidentemente informati del ricovero dell’anziana e del peggioramento delle sue condizioni di salute hanno fatto irruzione nell’appartamento pochi minuti dopo che era stato affisso nel quartiere il manifesto che annunciava il decesso dell’anziana. Accertamenti sono stati fatti dai vigili urbani ai quali gli abusivi si sono autodenunciati. In questi casi, le procedure prevedono che l’Istituto presenti una formale denuncia alla Procura di Avellino e, contestualmente, diffidi ufficialmente gli occupanti. Secondo quanto si è appreso, già in passato la famigliola si è resa protagonista di occupazioni abusive che non rientrerebbero nella sanatoria approvata dall’Iacp per consentire la graduale assegnazione degli alloggi agli aventi diritto. Secondo le procedure, la competenza di emettere l’ordinanza di sgombero dall’abitazione di Rione Parco occupata lunedì pomeriggio poco dopo l’avvenuto decesso della Nazzaro, spetta al sindaco dopo che l’Istituto ha provveduto alla denuncia del fatto alla Procura di Avellino e alla contestuale diffida al liberare l’immobile agli occupanti. «Non aspetterò un solo minuto – ha aggiunto Foti – per firmare l’ordinanza».

Ti potrebbero interessare anche:

Notaio mette in vendita l'isola di S.Stefano, fu carcere di Pertini
SCUOLA/Età media insegnanti italiani da record: 51 anni. Nelle forze di polizia è 10 anni di meno
Vaticano, dopo il blitz del presepe la gendarmeria arresta la femen
MALTEMPO/ Camionisti infuriati per la chiusura per neve dell'autostrada: siamo attrezzati
Pedofilia, il Papa rimuove il vescovo di Kansas City
Sei pazienti con Parkinson sfidano a nuoto lo Stretto



wordpress stat