| categoria: sanità Lazio

‘Il centro trasfusionale ciociaro trasferito a Roma crea problemi e disagi’

«Il trasferimento a Roma anche del centro trasfusionale di Frosinone, senza un’adeguata informativa sul territorio che spieghi nel dettaglio tale scelta e descriva i meccanismi di funzionamento del servizio, genera spaesamento e proteste». Lo dichiara il commissario straordinario della Provincia di Frosinone, Giuseppe Patrizi, dopo la decisione di trasferire a Roma il centro trasfusionale dell’ospedale Spaziani del capoluogo ciociaro. «Auspico e mi impegnerò per quanto in mio potere – aggiunge Patrizi- un chiarimento più che sollecito circa le scelte del Governo regionale». La sanità in Ciociaria attraversa un periodo davvero difficile con i tagli subiti da diversi ospedali. «Se il tema della Sanità pubblica è delicato ovunque – continua Patrizi – lo è specialmente nella provincia di Frosinone. I tagli degli scorsi anni, le chiusure dei nosocomi e i gravi problemi che vengono denunciati quotidianamente per l’affollamento dello »Spaziani« di Frosinone e le liste d’attesa davvero lunghissime, hanno precipitato la fiducia sull’offerta sanitaria di questo territorio ai minimi storici. A Frosinone, con l’apertura del nuovo ospedale, sarebbe dovuto arrivare anche un Dea di II livello, con tutte le specialistiche, per dar corso alla logica che era alla base della razionalizzazione messa in atto dalle amministrazioni regionali precedenti. Cosa che – conclude – ancora non è avvenuta».

Ti potrebbero interessare anche:

Al Santa Lucia un laboratorio per regalare speranza ai bambini
La Regione invia all'anticorruzione gli atti per la gara (revocata) del Recup
IDI/ La Regione Lazio chiede alla nuova fondazione il piano industriale
Inaugurata a Ostia la terza casa della salute della Capitale
REGIONE LAZIO/ Per gli ambulatori nel week end 40mila visite
Conferenza dei sindaci, approvata all'unanimità la Revisione dell'Atto aziendale della Asl Roma 6



wordpress stat