| categoria: politica

Il caso De Girolamo avvicina il rimpasto, ma Renzi frena

La bufera intorno al ministro dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo continua a far salire la temperatura dentro la maggioranza. In attesa del rientro dal Messico del premier Enrico Letta, a cui toccherà sbrigliare la matassa, l’ipotesi che si vada verso un rimpasto del governo appare sempre più concreta, nonostante la frenata ufficiale di Matteo Renzi. Il segretario del Pd al termine di un’incontro durato circa un’ora con Giorgio Napolitano, si affretta a far sapere, tramite twitter, la sua contrarierà all’idea di un cambio di ministri dell’esecutivo: «Roba da prima Repubblica, che noia», è il giudizio tranchant del leader dem che aggiunge: «vi prego parliamo di cose concrete». Il sindaco però ci tiene a smorzare la polemica e incontrando i capigruppo precisa meglio il suo pensiero. «Io – scandisce – non ho chiesto il rimpasto, il Pd non l’ha chiesto» ma «se il premier ritiene nella sua autonomia di fare piccole o grandi modifiche, noi siamo a disposizione». La valutazione sul governo resta però critica: nell’ultimo mese, dice Renzi, l’esecutivo si è meritato un giudizio «non entusiasmante». Anche per questo il Pd deve imporre un cambio di passo: e il segretario Pd aggiunge che non ci sono più alibi«. Il caso De Girolamo, però, certo non aiuta a rasserenare gli animi. In molti, sia renziani che non, continuano infatti a chiedere (oggi a rincarare la dose ci ha pensato il gruppo dei Cinque Stelle al Senato) che il ministro chiarisca in Aula la vicenda. Tant’è che alcuni di loro (Ansaldi, Oliverio e Taricco) depositano un’interpellanza urgente per chiedere dei chiarimenti alla titolare dell’Agricoltura che potrebbe essere in Aula alla Camera già venerdì. »Ascolteremo con grande attenzione cosà dirà«, fa sapere Gianni Cuperlo, presidente dell’assemblea dem. Sul caso interviene dopo giorni di silenzio anche Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, lettiano doc e compagno di vita della De Girolamo: »Chi sbaglia paga sempre nella vita. Ma chi sbaglia io lo faccio decidere alla magistratura, non lo decido io«. A fare quadrato intorno al ministri ci sono tutti gli esponenti di Nuovo Centrodestra: »Quello che sta accadendo ha dell’incomprensibile e personalmente la ritengo una cosa vergognosa«, è l’accusa di Maurizio Lupi titolare dei Trasporti. L’attesa è ora per le mosse di Letta. L’argomento infatti, almeno da quanto trapela ufficialmente, non è stato affrontato nel colloquio tra Renzi e Napolitano in cui invece si è discusso di legge elettorale. D’altronde il tema, fanno notare dal Quirinale, è di esclusiva responsabilità del presidente del Consiglio e del Capo dello Stato. Sarà quindi il premier con ogni probabilità a discuterne con il Colle al suo ritorno. Già perchè oltre alla De Girolamo sono diverse le poltrone ‘ballerinè dentro l’esecutivo oltre ad alcune caselle rimaste vuote come quelle di Stefano Fassina e Bruno Archi, rispettivamente viceministro all’Economia e agli Esteri. Nel toto-rimpasto – o nei ‘desideratà di chi vorrebbe mettere mano profondamente nell’assetto di governo – rientrerebbe anche Anna Maria Cancellieri, il ministro dell’Economia Saccomanni (oggi però blindato da Dario Franceschini) ed Enrico Giovannini, titolare del Welfare. Occhi puntati poi anche su Angelino Alfano, vice premier e ministro dell’Interno per il riaccendersi delle polemiche intorno al caso ‘Shalabayevà. La partita è complicata, ecco perchè dentro la maggioranza c’è chi ipotizza che più che un semplice cambio di poltrone si possa procedere con un Letta bis. In quel caso, è il ragionamento, Renzi essendo a capo del partito azionista dell’esecutivo non potrebbe restarne fuori.

Ti potrebbero interessare anche:

Imu, parte l'esame alla Camera. Verso modifiche
Bossi difende la sua legge, chi critica vada a quel paese
Renzi in Usa, Silicon Valley modello per l'Italia
EDITORIA/ Cinque giorni di sciopero al Velino
M5S, la resa dei conti il 5 febbraio. Salva la Raggi, “processo” ai portavoce
CAOS PD, SOSPETTI NUOVO PARTITO RENZI MA LUI SMENTISCE



wordpress stat