| categoria: Dall'interno

PARMA/Bimbo conteso, padre pubblica video e annuncia ritorno a casa al suo legale

Il padre con il figlio in braccio in un video in cui i due parlano in inglese, in una stanza dai muri bianchi. «Mia madre è cattiva, non mio padre. Io amo molto mio padre che mi ama. La verità è che io voglio stare con mio padre, non con mia madre». Questo in estrema sintesi il messaggio che il piccolo dà nel video pubblicato dal padre su Youtube il bimbo conteso di Parma. «Le cose che ho detto su mio padre non sono vere» prosegue il bambino. «Io ho mai fatto cose sbagliate?» chiede il genitore, «no, no – risponde il figlio – tu mi aiuti». «Io voglio solo proteggerti» dice il padre al figlio che risponde «ma certo, voglio dire la verità alla polizia di Parma». Quindi un saluto di arrivederci «a casa». L’intenzione di voler tornare a Parma è contenuta, infatti, anche in una e-mail inviata questa mattina da Rigamonti al suo avvocato Claudio Defilippi. «Stamattina mi ha scritto un’email dicendo che vuole tornare a breve» spiega all’Adnkronos il legale. Non si sa però nè dove siano padre e figlio, nè quando, esattamente, tornerebbero. Il filmato compare a sorpresa, in una vicenda che vede il bambino di 8 anni conteso da oltre 4 anni tra il padre, imprenditore di Parma, e la madre americana, originaria di Los Angeles. La vicenda è precipitata lo scorso 6 gennaio, quando del padre e del figlio si sono perse le tracce. La madre, che avrebbe dovuto riprendere con sè il figlio dovo le vacanze di Natale, ha perso ogni contatto e denunciato la sparizione del bambino alla Polizia di Parma. Tra i due genitori la battaglia legale è stata segnata da denunce incrociate: lei ha accusato più volte lui di abusi, processo che sta per iniziare con l’incidente probatorio, mentre lui ha accusato lei di sottrazione di minori, accusa che però è stata archiviata. Il bambino oggi è in affidamento condiviso a entrambi. «Il padre ha sorpeso tutti, sia suo padre sia il suo avvocato, perchè ha deciso di andarsene senza partecipare la cosa a nessuno – prosegue il legale – ora l’importante è che abbia capito che non doveva permanere fuori a lungo». La decisione di allontanarsi con il figlio, senza dare indicazioni di sorta, quando il piccolo doveva essere portato dalla madre, «è stato un atto dimostrativo, che si può capire sul piano umano, ma è ovviamente è sbagliato» sul piano giuridico rimarca l’avvocato Defilippi che aggiunge: «è arrabbiato e deluso per il processo sui presunti abusi che sono stati considerati infondati dalla sentenza della giudice della California», mentre in Italia il processo va avanti. «Ci sono quindi due verità, una americana e una italiana, ed è evidente che una è giusta e l’altra no» conclude l’avvocato che non commenta, invece, il video pubblicato su Youtube.

Ti potrebbero interessare anche:

Maltempo, frana su una casa: muore una donna nel Triestino
Duplice omicidio nelle campagne napoletane
Presunte molestie sessuali a otto seminaristi: indagato vescovo di Cassino
Terremoto, macerie via dal centro di Amatrice entro dicembre
Venezia, tentata rapina con fumogeno in piazza San Marco
INFERMIERA PIOMBINO: PM CHIEDE ERGASTOLO,LEI IN LACRIME



wordpress stat