| categoria: economia

FISCO/Confedilizia, agli italiani consta un terzo più di incassi

Il fisco costa agli italiani un terzo in più di quel che incassa, tra il 33% e il 35%. Il calcolo è della Confedilizia sulla base dei dati forniti dalle sue 200 sedi, impegnate in questi giorni nei calcoli per Tares, maggiorazione Monti e mini Imu. Il presidente, Corrado Sforza Fogliani, sottolinea la «situazione paradossale, e più che paradossale incivile. Le code di gente alle associazioni di categoria, ai Caf e ai professionisti per il calcolo delle tasse dovute sono l’effetto visivo di una pasticciata senza paragoni nel quale questo governo ci ha cacciato, sposando la concertazione municipale, cioè coi soli tassatori senza contraddittorio delle parti sociali rappresentative di chi è chiamato a pagare». L’associazione evidenzia come «il dilettantismo sia tale che neppure le scadenze sono riusciti ad omologare, l’incapacità dei comuni è provata in tutto meno che ad incassare e a chiedere soldi sempre di più; la iattanza e a volte il disprezzo per i cittadini considerati del sudditi fa il resto. Si impone quella revisione completa della tassazione sulla casa, sotto il controllo del parlamento, che le forze politiche responsabili da più tempo richiedono».

Ti potrebbero interessare anche:

Telecom Italia, Vodafone chiede risarcimento da un miliardo
BANCHE/ABI frena caduta prestiti ma è presto per ripresa
Crollano le Borse del Golfo, il petrolio spaventa i listini di tutto il mondo
Le stime della Ue gelano l'ottimismo, il Pil dell'Italia è fermo a +0,6%
Giallo francese su Telecom. Guidi, contano gli investimenti
Bankitalia, un bambino su dieci in povertà assoluta



wordpress stat