| categoria: attualità

Maro’: la Corte Suprema chiede soluzione entro 2 settimane

La Corte Suprema indiana ha chiesto al governo di trovare una soluzione entro due settimane allo stallo che sta ritardando il processo ai due maro’. In una breve seduta, durata una decina di minuti, i giudici hanno chiesto di “riconciliare il conflitto di opinione all’interno dell’amministrazione” e hanno rinviato l’udienza al 3 febbraio.
La decisione è stata presa dal ‘Court 4’, composto da una giuria di due giudici: B.S. Chauhan e J.Chelameswar. Quest’ultimo aveva affiancato l’ex capo della Corte suprema Altamas Kabir nell’esame del precedente ricorso italiano e aveva emesso la sentenza del 18 gennaio scorso in cui ordinava l’istituzione di un ‘tribunale ad hoc’ per processare i due fucilieri di Marina, accusati dell’uccisione di due pescatori mentre erano in servizio su una petroliera indiana al largo delle coste dello stato meridionale del Kerala.
Nel caso il pm indiano “non fosse in condizione di presentare il 3 febbraio una posizione chiara sui capi d’accusa, gli avvocati della difesa insisteranno per il ritorno in Italia dei maro'”. Lo ha dichiaratol’inviato del governo, Staffan de Mistura. “Questo – ha precisato De Mistura – in attesa che la parte indiana sia pronta a iniziare il processo, a condizione fra l’altro che sia senza l’applicazione e l’uso della (Legge indiana per la repressione della pirateria) SUA Act”. “Nel frattempo – ha concluso – la parte italiana continuerà nel lavoro di pressione e sensibilizzazione a livello internazionale”

Ti potrebbero interessare anche:

Sicilia, i grillini si tagliano 8mila euro dallo stipendio
Londra, treno in fiamme. Evacuata stazione della metro
Rosboch uccisa da "demonio". La sua città non la perdona
Black Bloc in azione al Brennero, 17 agenti feriti negli scontri
L'Isis pensa ad attacchi con armi chimiche contro la Gran Bretagna
Google-Huawei, è rottura: sospesa licenza per Android



wordpress stat