| categoria: attualità

Il maltempo flagella il centro-nord, un disperso in Liguria

Un disperso, fiumi e torrenti straripati, abitazioni evacuate, strade e ferrovie interrotte. È ancora allarme maltempo in diverse regioni italiane e il ministro per l’Ambiente Andrea Orlando ha chiesto lo stato di emergenza per le zone colpite. In Liguria a Sessarego, in provincia di Genova, c’è un disperso nel torrente Poggio dove un secondo uomo è stato tratto a riva ed è ora ricoverato in ospedale in prognosi riservata: sulle rive del rio sono state installate alcune fotoelettriche per consentire le operazioni di ricerca. Il disperso è un medico di 50 anni straniero residente a Bogliasco (Genova). A Genova la forte pioggia ha provocato una frana a Nervi e due villette sono state evacuate, sei gli sfollati. E soltanto in serata i vigili del fuoco hanno concesso la riattivazione di un binario sulla tratta ferroviaria tra Genova Nervi e Recco, chiuso alle 13 per l’incombere di uno smottamento. Resta, invece, bloccata la circolazione ferroviaria a ponente tra Albenga e Diano per il treno deragliato. Viabilità al collasso e paesi isolati nello spezzino per frane notturne: otto le strade provinciali chiuse, la maggior parte in Val di Vara e nella riviera. Nell’imperiese i 1.500 abitanti dei comuni di Pigna e Castelvittorio sono ‘tecnicamentè isolati da stamani dopo che Provincia e Comune hanno emesso un’ordinanza che autorizza il transito nelle due arterie di collegamento dei paesi, solo ai mezzi di soccorso, a causa dell’alto rischio di frane. In Emilia Romagna il fiume Secchia è tracimato alla periferia di Modena. Un centinaio le persone evacuate dalle abitazioni nella zona di San Matteo di Bastiglia. Liberata anche la struttura per anziani Villa Anna, dove alloggiavano circa trenta persone: quelle costrette a letto sono state trasferite all’ ospedale di Modena. L’acqua ha raggiunto anche l’abitato di Bastiglia, pochi chilometri a nord di Modena, dove si segnalano altre evacuazioni. Fase di preallarme per il Panaro. Disagi anche in Toscana. Allagamenti e smottamenti di terreno per il maltempo si sono registrati in tutta la Versilia. In alcune zone di Viareggio ci sono fino a 20 centimetri di acqua che ha invaso piani terreni e scantinati. Nell’entroterra la situazione più grave è a Pietrasanta e nell’Alta Versilia dove alcune frazioni sono tuttora isolate con qualche nucleo familiare evacuato dalle case per precauzione. Sono circa una ventina i nuclei familiari che hanno dovuto lasciare le loro abitazioni in tutta la provincia di Lucca. Disagi anche in provincia di Pisa, dove è stata chiusa al traffico l’Aurelia all’altezza di Migliarino e in provincia di Massa Carrara, dove a causa di frane alcune abitazioni sono isolate. Acqua alta a Venezia, con Piazza San Marco coperta da una quindicina di centimetri d’acqua e nevicata record a Cortina dove la discesa di Coppa del mondo è stata nuovamente annullata per le avverse condizioni meteo. Isolata, per la troppa neve, Madesimo in alta Valle Spluga mentre in Piemonte, nelle prealpi biellesi, una slavina ha travolto due scialpinisti, ma gli uomini del Soccorso Alpino sono riusciti a estrarli dalla neve. Difficoltà anche al Sud. In Campania sono interrotti da questa mattina tutti i collegamenti marittimi tra Napoli e l’isola di Capri a causa del maltempo e del vento di scirocco che spazza il golfo. Nè le navi-traghetto nè i mezzi veloci sono riusciti a raggiungere Capri o a partire dall’isola. Il Dipartimento della Protezione Civile in serata ha emesso un nuovo avviso meteo che coinvolge Abruzzo e Sardegna.

Ti potrebbero interessare anche:

Sandro Ruotolo candidato di Ingroia alla presidenza del Lazio
Grecia, turismo in difficoltà. Sulle isole scarseggiano farmaci e cibo
Renzi vola a Piacenza: dichiarati lo stato di emergenza e deroghe a patto
Renzi: entro tre anni cancelleremo vergogna Terra dei Fuochi
CONTE,GRAZIE ALL'ITALIA IMPEGNO NATO SUL FRONTE SUD
Schianto tra furgone e Tir: 12 morti nel foggiano, sono braccianti



wordpress stat