| categoria: turismo

2013 difficile per i parchi di divertimento italiani

Un 2013 difficile per i parchi di divertimento italiani: secondo un rapporto realizzato da Anesv-Parchi Permanenti italiani, l’associazione di categoria di riferimento, aderente a Federturismo, ”per il secondo anno, la stagione dei parchi di divertimento si è conclusa sostanzialmente con segno negativo”. I parchi tematici o meccanici hanno registrato un calo di visitatori fino al 10% nel 57% dei casi, e di qualche punto maggiore per il 30% delle strutture. Parchi acquatici hanno invece subito una flessione media dell’8%, dopo due anni di tenuta sostanziale. Tra le cause, ”oltre al difficile momento economico – spiega l’associazione di categoria – che condiziona la propensione alla spesa dei cittadini, ed ai dati corrispondenti riguardo al mercato turistico, anche l’elemento meteorologico, che ha condizionato pesantemente l’avvio della stagione”. I dati tuttavia evidenziano alcuni elementi positivi: innanzitutto il dato sulle presenze straniere. In genere il dato numerico è stato confermato rispetto al 2012 ”ma in alcuni casi c’è una tendenza positiva, la stessa che hanno registrato gli albergatori”, rileva l’Anesv. Altro elemento interessante – dice l’associazione – è il dato sulla vendita di biglietti online. ”Il 2014 sarà un anno decisivo per il settore – ha dichiarato Maurizio Crisanti, segretario generale di Anesv – e tutti speriamo che si registri un’inversione di tendenza”. I parchi di divertimento in Italia sono circa 200, tra tematici, acquatici e faunistici, ai quali si sommano gli oltre 200 parchi avventura, e sono visitati annualmente da oltre 18 milioni di persone.

Ti potrebbero interessare anche:

Dalla battaglia delle arance alla colossale fagiolata, il Piemonte vuole sorridere
Firenze, per la Notte Bianca gli Uffizi aperti fino a mezzanotte
Estate a Capri, tornano sceicchi e re
Castelbasso e Civitella, ecco l'Abruzzo forte e gentile
Da gastronomia a lusso, Parigi si riscopre trendy
Notte della Taranta blindata dopo Barcellona: strade chiuse e dispositivi hi-tech



wordpress stat