| categoria: politica, Senza categoria

Salvi gli sconti del fisco, più risparmi da tagli alla spesa

Salvi gli sconti del fisco. Circa 160 miliardi che i contribuenti per motivi svariati (dai carichi familiari fino al mutuo casa o alle spese veterinarie) non versano all’erario. Almeno per il momento. Il ministero dell’Economia, dopo giorni di polemiche e incontri serrati anche tra il premier Enrico Letta e il ministro Fabrizio Saccomanni, infatti annuncia: non ci sarà il taglio ‘linearè alle detrazioni fiscali (dal 19 al 18% e poi al 17) come previsto dal famigerato comma 576 della Legge di Stabilità che infatti sarà abrogato. E invece i risparmi attesi (comma 575, e cioè 488 milioni nel 2014, circa 700 nel 2015 e altri 500 nel 2016) arriveranno aumentando il target di Carlo Cottarelli, il commissario alla Spending Review. E un’altra buona notizia per i produttori e i consumatori di E-Cig (ma non per l’erario) arriva dal Tar del Lazio che ha concesso la ‘sospensiva temporaneà al decreto ministeriale che portava l’imposta su e-cig ed accessori al 58,5%. Provocando – a detta delle aziende riunite in Anafe-Confindustria – una vera e propria ‘falcidià di aziende e posti di lavoro (circa 5.000 gli addetti). Insomma su fronte fiscale si è deciso che si taglieranno le spese e non si toccheranno le detrazioni. Ma certo una ‘revisionè è d’obbligo. Dopo che anche il Fondo monetario internazionale ha evidenziato la necessità di una riforma per le oltre 700 voci presenti nell’ordinamento fiscale italiano. Indicando in almeno 60 miliardi la cifra ‘aggredibilè. E così ora si guarda con maggior attenzione alla delega fiscale. Delega un pò ‘dimenticatà in Parlamento (è attualmente in seconda lettura in Senato e deve tornare ‘modificatà alla Camera per la terza e forse ultima lettura). Viceversa per intervenire evitando il taglio delle detrazioni i tempi sono comunque stretti. Dovrebbe arrivare infatti comunque entro il 31 gennaio il decreto che cancellerebbe il comma 576 delle Stabilità affidando a Cottarelli il compito di reperire le risorse. Il Governo – spiega il Mef – ritiene che la sede più opportuna per esercitare l’intervento di razionalizzazione delle detrazioni, così come previsto dal comma 575 della legge di Stabilità 2014, sia la delega fiscale attualmente in approvazione in Parlamento. A tal fine, anche con l’obiettivo di evitare qualsiasi ulteriore aggravio fiscale, il Governo provvederà, con apposito provvedimento, ad abrogare il comma 576 della legge di Stabilità 2014 e di conseguenza non vi sarà alcuna riduzione delle detrazioni attualmente in vigore. «È un primo segnale di un definitivo orientamento verso la politica dei tagli anzichè la politica delle tasse» – spiega il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta. Anche se appunto «un riordino delle detrazioni è quasi necessario ma lo faremo con calma e serenità in Parlamento, all’interno della delega fiscale, evitando i tagli lineari

Ti potrebbero interessare anche:

Primarie Pd, Marino non scioglie la riserva, Sassoli scende in campo
CORTO CIRCUITO/ Gli italiani chiedono lavoro e meno tasse, il "Palazzo" è ostaggio della q...
STORIA INFINITA/ Decadenza Berlusconi, slitta la data
Renzi all'Onu, l'Italia lavora ai "caschi blu della cultura"
MILANO/ Lite a sinistra su Sala. Cofferari: sfidiamolo
Meloni candidata premier per FdI



wordpress stat