| categoria: Roma e Lazio

Allarme scippi, turista a Trastevere trascinata per 10 metri

In due a bordo di uno scooter hanno tentato di scippare una giovane turista orientale mentre era a passeggio per le vie di Trastevere. Lei ha cercato di reagire, tirando a sè con forza la borsetta ma i due rapinatori hanno trascinato la straniera per ben dieci metri sull’asfalto per poi rinunciare al colpo fuggendo contromano in un vicolo. Alcuni passanti che hanno assistito alla scena, hanno soccorso subito la giovane. E’ allarme scippi a Trastevere. Negli ultimi mesi, infatti, nel rione si è registrato un boom di borseggi, con delle conseguenze per le vittime. Sembra che i rapinatori abbiano “concentrato” i propri colpi nella zona tra via della Luce e via dei Genovesi, due stradine piuttosto isolate nel lato del quartiere opposto rispetto a quello di Santa Maria in Trastevere.

Per fronteggiare l’emergenza nello storico rione della capitale è in arrivo una squadra speciale della polizia. “Ci stiamo muovendo su due fronti sia attraverso la prevenzione che sul piano investigativo per individuare i responsabili che si pensa siano sempre gli stessi – ha spiegato Maria Sironi, dirigente del commissariato di Trastevere – Stiamo svolgendo i controlli in divisa ma ho appena istituito anche una squadra in borghese. Effettivamente da novembre c’è stato un incremento delle denunce. Abbiamo seguito le indicazioni dei cittadini e stiamo cercando di individuare i responsabili, stiamo facendo controlli ai ciclomotori sospetti e analizzando anche le telecamere della Ztl”.

Molti cittadini che abitano a Trastevere, considerando l’aumento degli scippi nella zona, richiedono a gran voce più controlli a piedi per le strade. Portavoce delle proteste dei cittadini è Viviana Di Capua, presidente dell’associazione Abitanti centro storico, che ha ribadito come ” la presenza delle forze dell’ordine potrebbe dirsi non scarsa dal momento che ci sono pattuglie ferme nelle principali piazze – dice Di Capua – ma ci piacerebbe una vigilanza urbana che cammina nelle strade. Non vogliamo una città militarizzata, non chiediamo militari ogni dieci passi – prosegue Di Capua – ma servirebbe una vigilanza urbana più aderente al territorio. I cittadini si sentono più protetti se sanno che la città è controllata”.

E l’aumento del numero degli scippi è confermato anche dal resoconto Eures del Dipartimento della Pubblica Sicurezza del ministero dell’Interno, con i dati pubblicati il 17 dicembre 2013. La percentuale relativa ai borseggi nella capitale si attestava al 19% nel 2012, mentre nel 2008 si è registrata un’impennata del 50,85%. Un incremento significativo si rileva in tutto il Lazio con 25.810 denunce complessive nel 2012, un’impennata del 17% rispetto

al 2011 e del 47,1% sul 2008 (in dettaglio nel 2012 si contano nel Lazio 2.132 scippi, con una crescita del 9,7% e 23.678 borseggi, in crescita del +17,9%.

L’aumento degli scippi però è dovuto tuttavia soltanto al dato romano (+19% nell’ultimo anno e +50,8% rispetto al 2008, dove si concentra il 93% di questi reati, con un indice pari a 60,8 delitti per 10mila abitanti, molto superiore al 15,2 di Latina, al 6,3 di Viterbo, al 5,5 di Frosinone e al 4,6 di Rieti.

Ti potrebbero interessare anche:

Latina, guardia giurata uccide madre e un'altra donna
Cantiere Termini, tre mesi di passione per strade e parking
Paura ai Parioli: albero cade e centra un'auto
Via le botticelle dalle strade
Fiumicino-Ostia, chiuso il Ponte della Scafa per «criticità
Ama, 13 impianti per salvare Roma



wordpress stat