| categoria: Roma e Lazio

PROVOCAZIONE ANTI-EBRAICA/ Le teste di maiale sono tre, e arriva anche la rivendicazione


Teste di maiale in Sinagoga, la rivendicazione un altro pacco all’ambasciata israeliana a RomaI tre pacchi contenenti le teste di maiale mozzate inviate alla Sinagoga, al museo di piazza Sant’Egidio a Roma, dove si svolge una mostra sulla cultura ebraica, e all’ambasciata israeliana sono stati “rivendicati”. All’interno di una delle scatole è stato lasciato un macabro messaggio che fa riferimento a Theodor Herzl, lo scrittore ungherese di fine ‘800 fondatore del movimento Sionista, con frasi deliranti sull’olocausto e sulle deportazioni, serviti, secondo gli autori dello scritto, “a contenere l’economia ebraica”. Gli investigatori della Digos diretti da Diego Parente hanno lavorato tutta la notte per individuare tracce o elementi utili per rintracciare il mittente. L’ultimo ‘pacco’ sempre contenente una testa di maiale è stato spedito all’ambasciata israeliana nella Capitale ed è stato intercettato dalla polizia prima di arrivare a destinazione.

Sgomento e preoccupazione per il vile atto nella comunità ebraica proprio alla vigilia della ricorrenza del “giorno della memoria”. Le indagini della questura di Roma proseguono in tutte le direzioni, partendo proprio dal deposito Tnt di via di Salone 124 dove i pacchi sono stati smistati. Ieri nel tardo pomeriggio, infatti, la società di spedizioni ha consegnato il cartone imballato alla Sinagoga. Chi lo ha ricevuto si è insospettito ed ha allertato gli artificieri. Poi, dopo aver aperto il pacco e scongiurato il rischio paventato di un ordigno, è montata l’indignazione.

In mattinata, svastiche e slogan antisemiti sono comparsi sulle mura del III Municipio di Roma, come ha riferito il presidente della commissione Politiche Sociali di Piazza Sempione, Yuri Bugli. Una delle scritte recita “Olocausto menzogna”, mentre un’altra tira in ballo Anna Frank, il cui nome presenta anche una acca di troppo: “Hanna Frank bugiardona”. “Durante la notte idioti senza paragoni hanno imbrattato con scritte neofasciste e antisemite la sede istituzionale del III Municipio – spiega Bugli – I vigliacchi autori dello scempio attaccano in questo modo tutta la nostra comunità. La vergogna e l’onta che questi personaggi gettano su tutta la città deve portarci a reagire con fermezza condannando l’atto e ricordando ogni giorno gli orrori causati dall’odio razziale nazifascista”.

La provocazione anti-ebraica recapitata alla Sinagoga di Roma, per il sindaco, Ignazio Marino, è “un affronto a pochi giorni dalle celebrazioni per il giorno della Memoria. Condanno con fermezza questo gesto inqualificabile nei confronti della comunità ebraica di Roma. Chi la offende fa un oltraggio a tutta la città – continua il primo cittadino – Sono vicino al presidente Riccardo Pacifici, al rabbino capo Riccardo di Segni e a tutti i componenti della comunità”.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, parla di “un gesto vigliacco e ignobile che ferisce la comunità ebraica e tutti i romani alla vigilia delle celebrazioni per il Giorno della Memoria. Al presidente Riccardo Pacifici, al rabbino capo Riccardo Di Segni e a tutti i componenti della comunità – dice – giunga la solidarietà dell’intera amministrazione regionale del Lazio”.

L’Anpi di Roma esprime la più sentita solidarietà alla comunità ebraica di Roma, auspicando che le autorità preposte individuino i responsabili: “Quello che è accaduto questa notte alla Sinagoga di Roma è un oltraggio alla Memoria – comunica l’Anpi di Roma – Non solo la comunità ebraica romana, che fu vittima delle leggi razziste del 1938 e poi delle deportazioni,

ma tutta la capitale è stata offesa alla vigilia delle celebrazioni del 27 gennaio da un gesto vigliacco e sporco quanto chi lo ha compiuto. In questi giorni l’Anpi di Roma e l’Aned sono presenti e protagonisti nelle tante iniziative, soprattutto nelle scuole, che ricordano lo sterminio nazista degli ebrei, i deportati politici e gli internati militari, gli oppositori del nazifascismo, i gay, i disabili, i rom e quanti si adoperarono per proteggerli e salvarli”.

Ti potrebbero interessare anche:

E adesso il Comune vuole pedonalizzare anche le periferie. Pensasse prima alle emergenze
Secondo suicidio in poche ore a Regina Coeli, dopo il killer del gioielliere si uccide un altro dete...
Il Papa in visita alla Sinagoga, eccezionali misure di sicurezza
COMUNALI/ Bray corre solo con una investitura
Virginia Raggi e le frasi in chat a Marra: dovevi dirmi dei 20 mila euro
Ostia, tromba d'aria sulla spiaggia: una decina di feriti tra i bagnanti



wordpress stat