| categoria: sanità Lazio

SAN CAMILLO/ Cgil-Cisl-Uil: ‘A rischio anche i trapianti cardiaci’

«È ancora bufera al San Camillo, dove, a seguito dei casi di emergenza verificatisi nel Pronto Soccorso ed in altre strutture di degenza, da dieci giorni, i sindacati aziendali occupano gli uffici della Direzione. Ai drammatici problemi del Pronto Soccorso, anche ieri sovraffollato all’inverosimile, se ne aggiungono altri». Lo comunicano, in una nota diffusa oggi, i responsabili aziendali di Cgil (Andrea Fidanza), Cisl (Adriano Fiorini)e Uil (Roberto Marrone). «L’immobilismo della Regione rispetto ai problemi denunciati nei giorni scorsi dalle nostre Organizzazioni, costituisce un’offesa ai tanti cittadini ed operatori che vivono giornate drammatiche presso il Pronto Soccorso e gli altri reparti di degenza. Il blocco delle assunzioni, presto, metterà a rischio anche l’esecuzione dei trapianti cardiaci, che – viene spiegato nella nota – nella regione Lazio, sono eseguiti esclusivamente presso il San Camillo». «Da due anni – prosegue il comunicato – chiediamo alla Regione, oltre ad infermieri, l’autorizzazione per l’ingresso di almeno tre cardioperfusionisti, per continuare l’attività dei trapianti cardiaci, ma anche per tale richiesta, non abbiamo avuto risposte». Per quanto riportato nella nota dei responsabili aziendali di CGIL, CISL e UIL, infatti «È impossibile che soli cinque tecnici, possano garantire oltre 600 interventi di cardiochirurgia e chirurgia vascolare, ed insieme turni di reperibilità per l’esecuzione dei trapianti». La nota delle OO.SS. si conclude in modo chiarissimo: «Zingaretti si è visto in questo ospedale solo durante la campagna elettorale, poi sembra aver dimenticato l’esistenza del San Camillo. Torniamo a sollecitare l’avvio di un tavolo di confronto con i nostri responsabili regionali, per definire interventi per governare questa fase emergenziale, ed individuare obiettivi di media e lunga durata».

Ti potrebbero interessare anche:

Il Cem non può chiudere, dice la Regione. Ma su come tenerlo in vita non ci sono idee chiare
Case della salute sotto tiro, mozione e interrogazione del M5S: è il bluff di Zingaretti
Oggi sit in e flash mob dei sindacati nei Pronto Soccorso della capitale
Sanità privata viterbese fa il botto, Ro.Ri: licenzia a Nepi e Viterbo
Asl di Rieti, il 31 ottobre parte il nuovo ambulatorio di Nefrologia
Ospedale di Palestrina tra post Covid e nuovi servizi



wordpress stat