| categoria: Dall'interno

Ruby, un ministro marocchino rivela: ho firmato io il documento, nel 2010 era maggiorenne


“Bomba” sul processo Ruby. Il ministro alla funzione pubblica del Marocco ha dichiarato, in un’intervista a un giornale arabo, che la ragazza era maggiorenne all’epoca dei fatti contestati a Berlusconi. Fu proprio lui a firmare l’atto di nascita della ragazza. Ora lo spedirà al consolato di Milano.

Per il ministro marocchino, Mohamed Mobdii, la ragazza sarebbe stata maggiorenne all’epoca delle frequentazioni con Silvio Berlusconi. Mobdii è stato deputato nella zona in cui risiedeva la famiglia di Karima El Mahroug, nota come Ruby. Il ministro ha spiegato di aver conservato “il file della nascita”, oltre ad aver avuto una richiesta del consolato marocchino a Milano di spedire tutti “i documenti in una valigia diplomatica”, in modo da evitare falsificazioni.

Per la vicenda Ruby, i giudici di Milano hanno condannato il leader di Fi a sette anni, colpevole dei reati di concussione per costrizione e prostituzione minorile.

Procura di Milano: “Nessun dubbio fosse minorenne” – “Non c’e nessun dubbio sul fatto che Ruby fosse minorenne nel febbraio 2010”. E’ quanto fanno sapere in Procura a Milano a proposito delle dichiarazioni del Ministro per la Funzione Pubblica del Marocco il quale, in un’intervista a un quotidiano locale, ha affermato che Karima era maggiorenne all’epoca della sua partecipazione alle serate ad Arcore nella residenza di Silvio Berlusconi. “In ogni caso – spiegano le stesse fonti – noi il processo l’abbiamo fatto, ora sono questioni che riguardano eventualmente la Corte d’Appello”.

Ti potrebbero interessare anche:

ISTRUZIONE – Gli studenti che abbandonano la scuola diventano ‘fantasmi’: 3 su 4 sono Neet infelici
Governo: non punibilità reati lievi, salta la prescrizione
Saviano a Forlì, scoppia la polemica. Il preside invita gli alunni a comprare il suo libro?
Dopo le palme, i banani in piazza Duomo
Cellulare, autovelox, in autunno arrivano nuove norme per chi guida
Cane in ufficio, 7 milioni in Italia. Ecco il decalogo dei benefici



wordpress stat