| categoria: Dall'interno, Senza categoria

MILANO/ PM indaga sui funghi caloriferi dei locali: ‘Sono come bombe’

Le bombole a gas usate per riscaldare i cosiddetti ‘funghi’ nei locali che hanno uno spazio all’aperto sono delle “potenziali bombe” che possono esplodere, per esempio, in caso di incendi. Per questo, ha spiegato il Procuratore aggiunto di Milano Nicola Cerrato, nei giorni scorsi, su suo mandato, i vigili del Fuoco e gli uomini della Polizia Locale hanno effettuato una serie di controlli a campione in alcuni locali nel cuore della citta’, in Corso Vittorio Emanuele. In tutti e sei gli esercizi visionati e’ risultato che le bombole vengono conservate in violazione delle norme contenute nel decreto sicurezza sul lavoro e della legge speciale 1083 del 1991. “Il problema – sotolinea Cerrato – non e’ l’utilizzo delle bombole a gas che e’ consentito in una zona areata ma la loro conservazione di sera, quando vengono tolte e messe all’interno, diventando cosi’ delle potenziali bombe”. La sanzione per i commercianti e’ una multa non particolarmente salata ma il Procuratore ha spiegato che se dovessero continuare a violare la legge potrebbe scattare il sequestro preventivo dei locali.

Ti potrebbero interessare anche:

CIVITAVECCHIA/Iniziano le riprese del film “Le due leggi”, con Elena Sofia Ricci
Sos guida anziani, in auto dispositivi sicurezza sempre più importanti
Sel, bene i sequestri al Tibidabo, ora ritiro delle concessioni
Euro 2016/Irlanda Svezia 1-1, un autogol regala il pareggio a Ibra
Il Papa: anche io a volte ho camminato nel buio della fede
VIMINALE CONTRO I LUPI, 'SEMPRE DI PIÙ,OK ABBATTIMENTÒ



wordpress stat