| categoria: politica

Dl carceri: leghisti mostrano manette in aula, “le regaliamo alla Cancellieri”

Cartelli e un paio di manette in dono al Guardasigilli Anna Maria Cancellieri. Va in scena nell’Aula di Montecitorio la protesta della Lega contro il decreto cosiddetto ‘svuota-carceri’.
Dopo le dichiarazioni di voto sulla fiducia, il leghista Gianluca Buonanno prende la parola e si rivolge direttamente al ministro della Giustizia: “Ministro, le sto parlando, se puo’ guardare un po’ meno il suo telefono e ascoltare… Non so, magari sta telefonando a Ligresti…”. Poi tira fuori dalle tasche un paio di manette e le mostra in Aula. Quindi, Buonanno lascia il suo banco e si dirige verso i banchi del governo, dicendo: “Ministro le regalo queste…”, afferma indicando le manette, perche’ “i delinquenti devono stare in carcere”.

Sul decreto si sono pronunciati a sfavore della fiducia posta dal governo Forza Italia, 5 Stelle, Lega nord, Fratelli d’Italia e Sel. Votano a favore solo le forze politiche che sostengono il governo.
Intervenendo in Aula sulle dichiarazioni di voto, il grillino Vittorio Ferraresi ha duramente criticato l’esecutivo: “E’ un provvedimento fatto solo per non pagare la multa in Europa. E’ un decreto di chirurgia plastica per non perdere la faccia in Ue”. Per il grillino si tratta di “un indulto mascherato e si calpesta ancora una volta la Costituzione e la dignita’ del Parlamento”. Molto critico anche il capogruppo di Sel, Gennaro Migliore: “E’ un provvedimento che non affronta in alcun modo il problema umanitario delle carceri”. Per Migliore “bisognerebbe rivedere strutturalmente le leggi criminogene, a partire dalla Fini-Giovanardi, la ex Cirielli e la Fini-Bossi con il vergognoso reato di clandestinita’”.

Il leghista Marco Rondini ha annunciato che “la Lega Nord votera’ contro un provvedimento inutile e pericoloso che consegna le nostre comunita’ alla paura e all’insicurezza. Grazie a questo brillante decreto da domani criminali e mafiosi potranno ripopolare le nostre strade mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini onesti. Lo svuotacarceri e’ un provvedimento dalle ruote sgonfie, criticato anche dai magistrati e dalle Forze dell’ordine, in quanto e’ l’ennesimo regalo fatto da questo governo a delinquenti e criminali. Per noi chi sbaglia paga e la pena deve essere certa”. L’esponente di FdI, Fabio Rampelli, ha osservato: “Ci troviamo di fronte all’ennesimo decreto legge, l’ennesima fiducia, l’ennesimo provvedimento d’urgenza in materia carceraria. Nell’arco di appena 3 anni e due legislature, questo e’ il terzo intervento per ‘svuotare’ gli istituti penitenziari, deflazionare i processi, e pensare di rispondere, con un provvedimento d’urgenza ai richiami dell’Unione Europea, ai messaggi del Capo dello Stato”. E il cofondatore di Fratelli d’Italia, Ignazio La Russa ha auspicato che tutte le forze di centrodestra non votino il provvedimento. Ma Ncd ha gia’ annunciato il si’ alla fiducia. Anche Gianfranco Chiarelli, di Forza Italia, ha annunciato il voto contrario degli azzurri, non risparmiando critiche al provvedimento.

Ti potrebbero interessare anche:

In Italia uccise 180 donne dal 2012. E arriva la proposta di legge anti-femminicidio
Resta teso il clima nel Pd ma Epifani assicura: la data non cambia
Lanzetta, l'ex sindaco anti-'ndrangheta alle Regioni
Grillo-Casaleggio, sfida sulle preferenze, M5S compatto
DISABILI/ Trentamila firme per la petizione sul riconoscimento dei diritti dei cargiver
Rom, Alfano: "Espellere i nomadi che non sottoscrivono un patto con lo Stato"



wordpress stat