| categoria: Dall'interno

Inchiesta Marrazzo, il trans Natali: ‘Quel giorno mi chiese droga’

Piero Marrazzo, ex Presidente della Regione Lazio

«Occasionalmente procuravo droga a Marrazzo, quel giorno di luglio chiese di procurargliela ma non ci riuscii». Lo rivela il trans Natali,sentita come testimone nel processo a carico dei Carabinieri accusati di aver ordito un ricatto ai danni dell’ex presidente della Regione Lazio. Nel corso dell’interrogatorio Natali si è spesso contraddetta nel ricostruire le varie fasi della vicenda. Parlando del 3 luglio 2009, giorno del blitz dei Carabinieri nel suo appartamento, il trans ha aggiunto che «Marrazzo arrivò da me, mi diede cinquemila euro in contanti per aiutarmi a saldare un debito che avevo in Brasile. Cercai di restituirgli un assegno da diecimila euro che mi aveva dato allo stesso fine, ma lui mi disse di tenerlo come garanzia finchè non mi avesse dato altri cinquemila euro che rappresentavano il saldo di quel debito». Dopo pochi minuti, racconta il trans, arrivarono i carabinieri. «Bussarono alla porta affermando che nella casa si stava tenendo un festino a base di droga. Marrazzo mi disse di aprire tanto non avevamo droga», ha detto. Ai carabinieri infedeli «dissi che non avevo droga ma fui sbattuta prima sul divano e poi chiusa sul balcone. I carabinieri dissero a Marrazzo, che era in mutande, di non tirare su i pantaloni, perchè ‘comandavano lorò». Uno dei carabinieri, ha spiegato il trans, chiese all’ex presidente della Regione, «duecentomila euro in contanti e il suo numero cellulare. Lui gli disse che non aveva quella cifra e gli diede il numero dell’ufficio in Regione. Non gli diede alcun assegno». Nel pomeriggio del 3 luglio Natali rincontrò l’ex governatore che «mi fece andare in taxi nel suo appartamento in piazza dei Giuochi Delfici. Lì mi disse di non parlare con nessuno di quello che era successo e non ne parlai mai neanche con lui».

Ti potrebbero interessare anche:

SHOAH/ Domani a Firenze il meeting della Regione dedicato ai 'giusti'
MONZA/ Alunno lasciato in corridoio perchè gay?
Appalti truccati, arrestato sindaco in Molise: 138 indagati
Sara, l’ex fidanzato l’aveva già aggredita una settimana prima
TRAGEDIA DEL MARE, RECUPERATI I CORPI DI MAMMA E BIMBA
CUCCHI: ILARIA, MI INSULTANO SUI SOCIAL MA HO SPALLE LARGHE



wordpress stat