| categoria: Dall'interno

TERRA DEI FUOCHI/Via alle bonifiche e allo screening della salute

Palazzo Madama, sede del Senato

È legge il decreto sulla Terra dei fuochi. Palazzo Madama lo ha approvato, licenziandolo ed ingoiando un ‘boccone’ già masticato dalla Camera, come hanno fatto notare molti senatori che non hanno potuto mettere le mani sul provvedimento. Tre i capisaldi che lo tengono in piedi: bonifiche, tutela della salute, ripristino della legalità. E dentro, negli articoli finali, si norma anche sull’Ilva. «Il decreto legge sulla Terra dei fuochi – dice il premier Enrico Letta, affidando il suo pensiero a twitter – è stato convertito ieri in legge, dopo decenni è la prima risposta a quel dramma. Impegno ora ad applicarlo bene». Per il titolare dell’Ambiente Andrea Orlando, che alla Terra dei fuochi aveva dedicato la sua prima visita dopo l’investitura da ministro, si tratta di una «riscossa», di un «punto di partenza» di un percorso, per affrontare «l’emergenza» in quell’area. Il testo approvato in via definitiva al Senato non ha subito modifiche rispetto a quello della Camera. Il decreto si compone di 9 articoli. I punti principali per la parte Terra dei fuochi riguardano l’introduzione del reato di combustione dei rifiuti, strumento utile alla Magistratura per contrastare i roghi di rifiuti, spinta ulteriore sulle bonifiche (anche con il Fondo unico giustizia, creato apposta con le risorse provenienti dalla confisca di beni e guadagni illeciti delle criminalità), conferimento di poteri speciali al prefetto di Napoli, istituzione al Dipartimento della pubblica sicurezza del ministero dell’Interno di un gruppo per il monitoraggio, mappatura dei terreni inquinati (distinzione con quelli ‘no food’), uso dell’esercito per il presidio del territorio, screening sanitario gratuito per Campania e Puglia (50 milioni, 25 a testa per il 2014 e il 2015) con il contributo dell’Istituto superiore di sanità, implementazione dello studio ‘Sentieri’ sui siti inquinati, maggiore trasparenza per i cittadini, aiuto alla filiera agricola. Nella parte dedicata all’Ilva si punta a reperire le risorse per l’adeguamento ambientale e per l’applicazione dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia): con aumento di capitale, cessione di azioni, sblocco dei beni sequestrati. Infine, ci sono anche alcune norme sul dissesto idrogeologico e le regioni, e la Pubblica amministrazione. Contento per l’approvazione del decreto anche don Maurizio Patriciello, parroco anti-roghi di Caivano, lo definisce un «punto di inizio, non certo di arrivo» perchè «la Terra dei Fuochi finalmente è diventato un problema nazionale. Ha vinto anche la linea del dialogo, l’unica strada che noi conosciamo». Uno dei punti su cui si è discusso sia in Aula che fuori, è stata il testo ‘blindato’ giunto al Senato. Tanto che tra l’ironico e il serio, in molti tra i senatori parlavano di un «primo esperimento della riforma di Matteo Renzi» e l’eliminazione del bicameralismo perfetto. Anche il presidente di turno a Palazzo Madama Roberto Calderoli non ha risparmiato la frecciata: «Il decreto sulla terra dei fuochi è stato trattenuto 52 giorni dalla Camera e il Senato in due giorni lo ha affrontato e approvato. Alla luce del dibattito sul superamento del bicameralismo perfetto, credo si debba aprire una discussione su quale sia il ramo da abolire».

Ti potrebbero interessare anche:

MILANO/Uomo ucciso a colpi di arma da fuoco
VENEZIA/ Acqua alta a luglio? I turisti se la godono ma c'è poco da ridere
Morte Solomon: il gip convalida il fermo per omicidio volontario al clochard del Tevere
Maltempo: nel Milanese notte di allagamenti, esondato Seveso
In Italia scompare un minore ogni 48 ore
Coronavirus, da Fondazione Soros 1 milione a Milano



wordpress stat