| categoria: sanità

FARMACI/ Pillola del giorno dopo, Associazione Coscioni: ‘Si abolisca l’obbligo della ricetta’

A questo punto, per la pillola del giorno dopo «si abolisca l’obbligo di ricetta». A chiederlo in una nota è l’Associazione Luca Coscioni, plaudendo alla decisione dell’Aifa di rivedere il bugiardino della pillola del giorno dopo, «sostituendo la vecchia dicitura ‘il farmaco potrebbe anche impedire l’impiantò con ‘inibisce o ritarda l’ovulazionè». Una decisione che «risponde scientificamente a tutti quei dubbi che erano serviti agli obiettori di coscienza per negare la contraccezione d’emergenza. Ora le donne hanno riacquisito il diritto di accedere al farmaco senza l’ostruzionismo di coloro che si nascondevano dietro la presunta e ormai cancellata confusione con un farmaco abortivo». «Vengono a cadere tra l’altro – prosegue l’associazione – i presupposti della cosiddetta clausola di coscienza permessa al medico dalla nota del Comitato nazionale di bioetica del febbraio 2011». Secondo l’associazione a questo punto la «soluzione da applicare» è «quella di abolire l’obbligo della ricetta medica per questo tipo di farmaco, come avviene già in altri Paesi: eliminando così l’imposizione per un medico di prescrivere un farmaco eticamente contrario alle sue posizioni».

Ti potrebbero interessare anche:

TOSCANA/ Progetto per la prevenzione del disagio sociale nell'Amiata Val d'Orcia
Dai ticket ai nuovi Lea, i punti del Patto per la Salute
Anna Tatangelo nuda contro il tumore al seno, è bufera sulla campagna LILT
ZIKA/ Brasile, salgono a 5079 i casi sospetti di microcefalia
Farmacie diventano hi-tech, vendono online e usano social
Anac fissa i prezzi di riferimento per le gare per la ristorazione negli ospedali.



wordpress stat