| categoria: economia

RCS/Elkann contro Della Valle, ‘pensi a sua azienda nana’

“Non posso pensare che Della Valle abbia preoccupazioni su Rcs, penso che la Tod’s lo preoccupi. La Tod’s va male, è giù del 20 da inizio anno. Rispetto ai suoi concorrenti Prada, Armani, Lvmh e Kering è un nano. Un’azienda di dimensioni piccole e non sta andando bene”. Così John Elkann, dopo le polemiche innescate da Diego Della Valle.

La dichiarazione su Della Valle del presidente Fiat Elkann arriva dopo l’iniziativa su Rcs dell’imprenditore marchigiano filtrata nei giorni scorsi. Della Valle ha inviato una lettera al consiglio di amministrazione di Rcs in cui minaccia azioni legali stigmatizzando la recente gestione del gruppo editoriale, dall’aumento di capitale, all’accordo sulla gestione della pubblicità nazionale della versione cartacea e online della Stampa, passando per la recente cessione dell’immobile Rcs in centro a Milano. Fiat è il primo azionista della casa editrice del Corriere della Sera con il 20,5% del capitale. Della Valle ne possiede il 9%.

A margine di una iniziativa della Fondazione Agnelli con le scuole, Elkann si è detto invece “molto soddisfatto” del piano Rcs, “come lo sono e dovrebbero essere tutti gli azionisti di Rcs. Da quando l’aumento di capitale è avvenuto il titolo è cresciuto del 25%, le azioni del management sono state molto efficaci, la società oggi è gestita bene, il cda è indipendente e prende decisioni nell’interesse della società”.

Ti potrebbero interessare anche:

World economic forum, Davos apre ai nuovi modelli di sviluppo
CRISI/ Eurispes, potere d'acquisto eroso per sette famiglie su dieci
Agcom bacchetta Telecom sulle nuove tariffe
Dalle farmacie ai notai, primo ok alle liberalizzazioni
Novembre da incubo: in 15 giorni gli italiani verseranno all'erario 53,5 mld
FOCUS/ Btp ai minimi, ma vale per chi cerca sicurezza



wordpress stat