| categoria: primo piano, Senza categoria

Il Pd dà il benservito a Letta, domani le dimissioni?

Era praticamente deciso, ma serviva l’avallo ufficiale del partito, Letta (che ha preferito attendere il verdetto a Palazzo Chigi) se ne dovrà andare. Renzi si farà carico di tutto, nel modo meno traumatico possibile. Domani il premier potrebbe salire al Quirinale per farsi consigliare o per consegnare le sue dimissioni. La direzione del Pd ha approvato il documento di Renzi per un nuovo governo con 136 sì, 16 no e 2 astenuti. «Serve un governo nuovo ma il voto anticipato non è la soluzione. La strada è un patto di legislatura per dare risposte reali»,. Matteo Renzi parla da premier in pectore alla direzione Pd , che di fatto ha sfiduciato Enrico Letta. Che dopo lo scontro andato in scena ieri nel Pd, ha scelto appunto di non presentarsi alla direzione decisiva e pare abbia cancellato la visita ufficiale in Gran Bretagna, che era in programma il 24 e 25 febbraio prossimi. Smentita dal Pd l’indiscrezione in base al quale i dem avrebbero offerto il ministero dell’Economia nell’ipotetico Renzi 1, ma la cosa non ha più tanta importanza. «La direzione del Pd ringrazia il presidente del Consiglio per il notevole lavoro svolto alla guida del governo, un esecutivo di servizio nato in un momento delicato. E per il significativo apporto dato in particolar modo per il raggiungimento degli obiettivi europei», ha detto Renzi leggendo il documento della direzione del Pd.
«Il rilancio radicale che immaginiamo non suoni come polemica verso Letta né dal punto di vista personale nei confronti di Enrico né verso il governo che ha affrontato momenti di grande incertezza e turbolenza nell’ultimo anno», ha proseguito Renzi proponendo un governo di legislatura. «Dobbiamo avere la disponibilità a correre il rischio che deve essere preso con il vento in faccia. Avere il coraggio di mettere la faccia fuori e avere il vento contro significa assumere il rischio del cambiamento necessario». E ancora: «Lo sport preferito degli ultimi giorni è dire che è tutta colpa del Pd, ma oggi dobbiamo decidere e dalle forze di coalizione ci si chiede che il Pd assuma le sue responsabilità». Come ai vecchi tempi, la liturgia è sempre la stessa. Ma non è finita. «Diventare adulti significa anche smettere di fare solo le cose che ti piacciono», ha poi detto il segretario. «Ci sono momenti in cui chi ha responsabilità di guida all’ interno di una comunità, di un partito politico è chiamato a nascondersi, in altri ad ascoltare, in altri a camminare con il passo dell’ultimo. In altri siamo chiamati a un duplice impegno: da un lato la franchezza totale, dall’altro l’indicazione di una proposta». Serve «una forte spinta» da parte del Pd contro «il lento logoramento delle istituzioni», ha aggiunto il sindaco di Firenze. «Chiedere oggi di cambiare strada è il tentativo di restituire un’occasione alla politica. Possiamo aspettare che qualcuno lo faccia per noi, ma c’è il piccolo inconveniente che in 20 anni non lo ha fatto nessuno». «O il Pd ha un protagonismo forte o questo cambiamento si realizza soltanto a parole». Ora basta tirare le somme. E vedere come si svilupperà la giornata di domani. Cuperlo ha chinato la testa, e si èallineato: siamo con Renzi ma non si voti ora. «Sta a noi fare in modo che da questo passaggio si esca non con una lacerazione ulteriore ma ricostruendo l’unità su scelte strategiche. Perciò io chiedo che la direzione non venga chiamata ad esprimersi oggi con un voto per evitare un precedente nei rapporti tra un partito e un governo». Malinconico ma corretto l’implicita rinuncia del premier a combattere. «Carissimi – ha scritto Enrico Letta in una lettera inviata alla direzione nazionale del Pd – penso che in una giornata importante come questa, sia fondamentale che la discussione si sviluppi, e le decisioni conseguenti siano assunte, con la massima serenità e trasparenza. Per questo preferisco aspettare a Palazzo Chigi le determinazioni che verranno prese, in modo che tutti in Direzione si sentano liberi di esprimere valutazioni ed esplicitare le decisioni che ritengono opportune». E gli alleati?«Se il Pd confermerà la fiducia al governo Letta potrà contare sul Nuovo Centro Destra», ha detto Angelino Alfano. Il che significa grosso modo: il Pd risolva i suoi problemi e noi ci adegueremo ma non può certo aspettarsi una nostra presa di posizione fin d’ora. «Enrico Letta è sempre stato leale con il Nuovo Centro Destra. Non saremo noi a togliere le castagne dal fuoco per nessuno”. Come si comporterà Renzi con Berlusconi? Sel ha già fatto sapere di non condivere la svolta: non contate su di noi.

Ti potrebbero interessare anche:

Ricette in cambio di regali dalle aziende, "reato odioso"
Costi della politica, la Boldrini insiste: i dipendenti della Camera si riducano gli stipendi
La coltivazione dello zibibbo di Pantelleria è patrimonio dell'Unesco
METRO C/ A Roma scoppia il caso, 13 indagati per truffa, anche l'ex assessore
Trump show. Stop all'immigrazione, idillio con Theresa May
FOIBE/ Giornata del ricordo, scontri al corteo di Torino



wordpress stat