| categoria: sanità Lazio

L’ultima di Zingaretti: sul web in tempo reale la situazione dei Pronto Soccorso

Un sito internet dove conoscere in tempo reale, con aggiornamento ogni sei minuti, la situazione dei singoli pronti soccorso del Lazio: ospedale per ospedale, quanti codici rossi, gialli, verdi e bianchi, quanti pazienti in trattamento, quanti in sala d’attesa, quanti in attesa di ricovero o trasferimento e quanti in osservazione. A presentare la novità stamattina in Regione il governatore Nicola Zingaretti, il coordinatore della Cabina di regia sulla sanità Alessio D’Amato e la direttrice della Programmazione sanitaria Flori Degrassi. Consultando il sito www.regione.lazio.it/accessiprontosoccorso/ (il link è ben visibile sulla home page della Regione) si può già avere accesso al servizio. L’iniziativa, è stato spiegato, si inserisce nel percorso che la Regione Lazio ha intrapreso per costruire un sistema di informazioni, permettendo ai cittadini di poter accedere ai dati del Sistema Sanitario Regionale. I dati, è stato sottolineato, non possono essere utilizzati per misurare la qualità e la tempestività dell’assistenza fornita nei Pronto Soccorso, non si forniscono infatti classifiche e giudizi di alcun tipo. Essi «sono invece un mezzo importante di informazione e una prova di trasparenza dei servizi sanitari». I dati che qualunque cittadino può consultare si riferiscono agli accessi nei Ps o Dipartimenti di Emergenza di I o II livello, registrati dai singoli presidi attraverso il sistema Gipse (software per la gestione delle accettazioni in Ps). La rilevazione copre la quasi totalità delle strutture: mancano solo 4 Ps di ospedali privati, i Ps specialistici del Policlinico Umberto I, cioè il Pediatrico e l’Ostetrico e i Ps specialistici odontoiatrici G. Eastman e Tor Vergata. I dati sono ordinabili anche per nome dell’Ospedale, per Asl o Comune di ubicazione o per ruolo della struttura nella rete dell’emergenza (Ps, Dea I, Dea Il). In sanità, ha detto ancora Zingaretti, «il cantiere delle riforme è aperto. Abbiamo nominato nuovi direttori generali con criteri di assoluta trasparenza, pulizia, merito e professionalità. Stiamo chiamando i migliori da tutta Italia, ma soprattutto ci sono degli obiettivi e delle verifiche: entro 18 mesi i dg saranno valutati con un punteggio da zero a cento, e chi starà sotto i 70 sarà messo in discussione. Nel Lazio fino a ora non era possibile, il dirigente nonostante i risultati rimaneva al suo posto. La macchina si è messa in moto – ha concluso Zingaretti – speriamo che questa trasparenza porti quel cambiamento che tutti noi ci aspettiamo».

Pronto Soccorso – Accessi in tempo reale <clicca qui>

Ti potrebbero interessare anche:

Casa della salute a Acquapendente? C'è qualche problema
INCHIESTA/ All’Umberto I, vivo o morto, le regole sono ferree e vanno rispettate
Sindacato all'attacco, case della salute flop. Intervenire su liste d’attesa e pronto soccorso al co...
Autismo, condannata la Asl che non paga le terapie sostenute dalla famiglia
‘INVESTIMENTI PER POTENZIAMENTO OSPEDALE DI ANZIO-NETTUNO’
EDITORIALE/ E adesso che si fa? Aspettiamo tutti Godot



wordpress stat