| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Storace a Zingaretti, intervenga sui fondi per il S.Lucia

Il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio e capogruppo de La Destra verso Alleanza Nazionale Francesco Storace ha presentato una interrogazione a risposta immediata al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, per sapere come intenda intervenire per revocare il limite massimo fatturabile stabilito dalla regione nei confronti della Fondazione Santa Lucia. È quanto si legge in una nota. Con una mail inviata il 31 gennaio 2014 dalla regione alla Fondazione Santa Lucia, si legge nell’interrogazione, avente oggetto «limite massimo fatturabile, gennaio 2014, Fondazione Santa Lucia» è stato comunicato dalla Regione alla Fondazione stessa che l’importo fatturabile mensilmente in acconto a partire da gennaio 2014 sarebbe passato a 2.891.659,49. Tale importo rappresenta una ulteriore penalizzazione economica subita dal Santa Lucia. L’acconto mensile riconosciuto dalla Regione Lazio ha, infatti, subito una progressiva riduzione passando da 4.201.000,00 del 2011 ai 2.891.659,49 citati nella comunicazione del 31 gennaio 2014. La somma di 2.891.659,49, evidenzia l’interrogazione, non è neppure sufficiente a pagare stipendi e contributi dei circa 1000 dipendenti e lavoratori che lavorano presso la Fondazione. Inoltre, sottolinea Storace, la comunicazione del 31 gennaio 2014 non tiene conto di quanto stabilito dal Commissario ad acta nominato dal Consiglio di Stato che ha stabilito le tariffe giornaliere 2007 per l’attività di ricovero da riconoscere alla Fondazione Santa Lucia; secondo queste tariffe, per l’anno 2013 il finanziamento per l’attività assistenziale dovrà essere di 63.000.000,00. La Fondazione Santa Lucia, si legge inoltre nell’interrogazione, vanta un credito verso la Regione Lazio che è arrivato alla considerevole cifra di oltre 100 milioni di euro nel periodo 2005-2013. Questo atteggiamento mette a repentaglio la sopravvivenza della Fondazione che, per qualità dell’assistenza prestata e della ricerca svolta, si posiziona al 2 posto nella graduatoria nazionale (soltanto dopo il S. Raffaele di Milano) degli istituti di ricovero a carattere scientifico d’Italia «Si ritiene opportuno, quindi – conclude l’interrogazione presentata da Storace – che vengano riconosciute al S. Lucia le risorse già stabilite dal Commissario ad acta nominato dal Consiglio di Stato, in virtù dell’importanza dell’attività assistenziale svolta dalla Fondazione, sempre più rivolta a pazienti gravi (post comatosi, mielolesi, post ictus) con un evidente aumento dei costi in termini di fabbisogno di personale e di medicinali».

Ti potrebbero interessare anche:

Nuove prospettive terapeutiche per la malattia di Crohn
Foro Traiano, il mecenate Usmanov dona due milioni di euro
Venezia, esplode la festa del Redentore
PA/ Spesa statale, + 14% in sette anni
Juventus-Spal 4-1, Higuain torna al gol
Asl Roma 4/ Tumori femminili e prevenzione, la parola all’esperto



wordpress stat