| categoria: Cultura

SCIENZA/ Svelata dopo quattro secoli l’illusione ottica di Galileo

Svelata dopo oltre quattro secoli l’illusione ottica cosiddetta di Galileo, perchè fu lo scienziato pisano a notare che un oggetto, a parità di dimensioni, sembra più grande quando è bianco su un fondo nero. Il ‘segretò del fenomeno è stato annunciato in occasione dei 450 anni dalla nascita, avvenuta il 15 febbraio 1564, da un gruppo di ricerca dell’Istituto di optometria della State University di New York. Osservando i pianeti, Galileo aveva notato che il loro aspetto poteva cambiare se venivano osservati a occhio nudo o con un telescopio. Visti direttamente, alcuni piccoli e luminosi sembravano più grandi di altri che nella realtà hanno dimensioni maggiori ma sono scuri: per questo Venere a occhio nudo sembra più grande di Giove. Galileo non riuscì mai a trovare una spiegazione del fenomeno. Ora, sulla rivista dell’Accademia di scienze degli Stati Uniti (Pnas), i ricercatori americani spiegano che «l’illusione ottica è dovuta a come gli occhi vedono la luce e il buio. Esaminando le risposte delle cellule nervose nel sistema visivo del cervello agli stimoli chiari e scuri è stato scoperto che, mentre gli stimoli scuri provocano una risposta neurale che riporta con precisione le dimensioni dell’oggetto osservato, gli stimoli luminosi ‘confondonò e producono risposte esagerate, che fanno sembrare l’oggetto più grande».

Ti potrebbero interessare anche:

Da Giotto a Gentile, Sgarbi scopre la scuola di Fabriano
Fotografia senza confini: esce il libro di Barbara Dall’Angelo: 140 immagini straordinarie frutto di...
Libro del giorno, Veltroni sulle tracce del padre
Villa Farnesina, colori della prosperità
A Roma si svelano le stanze di Elena
Apre Restauro Aperto, arte senza segreti



wordpress stat