| categoria: Il Commento

Fiorello e i “social”, effetti perversi

Fiorello e i “social”, effetti perversi. Il popolare “Fiore” ne ha fatto una bandiera in questi ultimi anni, abbandonando la sovraesposizione della televisione per cercare rapporti alternativi con il suo pubblico, con il pubblico, usando strumenti e mezzi sofisticati, la sua “edicola” è un successo, twitter, Facebook e compagnia sono il suo pane quotidiano. Ora il suo guaio,l’incidente, il ricovero lo espongono dal lato più indifeso, chi di web ferisce…Emerge tutta la inciviltà della massa, maleducata e diseducata, incontrollabile. Anarchia pura, Fiorello non merita tutto questo, e nemmeno la sua vittima. Sono stati entrambi civilissimi, il web ha sfogato i suoi peggiori istinti contro i due. Ed è un fenomeno incontrollabile, contro il quale non abbiamo difese. E se tutto questo accade con un personaggio positivo e popolare. Se distruggono lui….

Ti potrebbero interessare anche:

La guerra per le Commissioni, che teatrino imbarazzante
La vera barbarie sono mazzette e corruzione
Il rito dell'otto marzo
25 aprile, il passato che non passa
La correttezza di Israele
IL CAOS LIBICO



wordpress stat