| categoria: attualità

Donne italiane pessimiste, per la parità di genere almeno altri 10 anni

Le donne italiane pensano che non riusciranno ad avere eguali opportunità nel campo dell’istruzione, della salute e della giustizia per almeno altri 10 anni. Questo è quanto emerge da una recente ricerca commissionata e presentata oggi a Parigi da Special K Europa. Uno sbalorditivo 84% del panel coinvolto da Special K (1.004 donne italiane) sostiene che l’uguaglianza di genere non esiste ancora e la maggior parte indica il 2020 come la data possibile entro la quale potrebbe diventare realtà. Il 32% dichiara addirittura di non credere che l’uguaglianza di genere diventerà mai concreta. La recente legge contro la violenza domestica e poi Angela Merkel, primo cancelliere donna in Germania, Christine Lagarde, primo leader donna del Fondo Monetario Internazionale, la dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che afferma: la violenza sulle donne è un problema globale e di proporzioni epidemiche, la giovane avvocatessa pakistana Malala Yousafzai che sopravvive dopo essere stata aggredita dai talebani dopo il suo discorso sul diritto all’istruzione femminile, la legge contro lo stalking introdotta nel 2009, Hillary Clinton in corsa per la carica di presidente degli Stati Uniti, La Monarchia inglese che manda in pensione una legge vecchia di 300 anni secondo la quale solo i maschi primogeniti possono succedere al trono , il Pentagono degli Stati Uniti che abolisce il divieto per le donne di partecipare ai combattimenti , Susanna Camusso che viene nominata segretario generale del più grande sindacato d’Europa. Sono gli avvenimenti più significativi del XXI secolo legati all’emancipazione femminile, che sono stati ufficialmente riconosciuti come importanti. E le figure femminili che più ispirano le donne in tema di emancipazione: al primo posto Rita Levi Montalcini. Poi Margaret Thatcher, Margherita Hack, Hillary Clinton, Maria Montessori , Madre Teresa di Calcutta, Emma Bonino, Eleanor Roosevelt, Madonna , Simone de Beauvoir. Chime for Change – la campagna globale di raccolta fondi a sostegno dell’istruzione, della salute e della giustizia nel mondo femminile fondata da Gucci, Beyoncé Carter Knowles, Frida Giannini and Salma Hayek Pinault – ha da ora una nuova parnership in Special K Europa che aiuterà a diffondere il suo messaggio attraverso la campagna “25/25/25”: 25 milioni di famiglie in Europa da coinvolgere, 250.000 voci da chiamare a raccolta e rendere partecipi di questo grande movimento, 25.000 donne di tutto il mondo a cui migliorare la vita.

Ti potrebbero interessare anche:

Gli italiani non mangiano più pane, costa troppo
FOCUS/Prestito ponte alla Grecia, nuovo grattacapo per l'Eurogruppo
Austria nel caos: dopo il flop elettorale il cancelliere Faymann si dimette
Pistorius: è omicidio, condannato a sei anni di carcere
TERREMOTO - Gli esperti: "In Italia siamo ben lontani da una cultura di prevenzione" [AUDI...
"Svolta oligarchica", "Offensivo per gli italiani", scontro in tv Renzi-Zagrebel...



wordpress stat