| categoria: sanità

STAMINALI/ ‘Presto l’inizio della sperimentazione sui malati di sclerosi multipla’

Gianvito Martino, direttore della divisione di Neuroscienze del San Raffaele di Milano

Dopo undici anni di lavoro, non è più così lontano, finalmente, l’inizio della sperimentazione sull’uomo sulla rigenerazione dei tessuti nervosi, con staminali, in chi soffre di sclerosi multipla. A dirlo è Gianvito Martino, direttore della divisione di Neuroscienze dell’ospedale San Raffaele di Milano, nonchè coordinatore dello studio, a margine dell’incontro ‘Cellule staminali del cervellò, organizzato dall’azienda Sia a Milano. Nell’aprile del 2003 infatti Martino, insieme ad Angelo Vescovi, ora direttore scientifico dell’Irccs Casa Sollievo della Sofferenza di San Pio, annunciò i risultati del loro lavoro, nel quale topi colpiti da sclerosi multipla avevano ripreso a camminare dopo l’iniezione di cellule staminali adulte. «Abbiamo continuato i nostri studi su animali di taglia più grossa, come le scimmie, e fatto i test di tossicità sulle cellule staminali che poi useremo sull’uomo. Ora il prossimo passo è la sperimentazione su pazienti umani, che speriamo di iniziare presto. Sono passati più di 10 anni dai primi risultati, ma i tempi della ricerca sono questi». Sulla rigenerazione dei tessuti, Sia da due anni ha deciso di finanziare una borsa di studio per un ricercatore del San Raffaele, in aggiunta a quella che da quattro anni finanzia all’Istituto Mario Negri di Milano per studi sul tumore alle ovaie. «Abbiamo deciso di impegnarci in tal senso – spiega l’amministratore delegato Massimo Arrighetti – perchè si tratta di malattie dagli effetti devastanti e su cui ancora non ci sono risposte».

Ti potrebbero interessare anche:

Roma, al Bambino Gesù nasce l'ambulatorio per i neogenitori
M5S/ Su Maugeri trattativa a porte chiuse, la Regione stoppa l'audizione
Sanità, in Puglia miglioramenti ma non in ospedali
Troppo alcol per 8 milioni di italiani, rischio giovani e anziani
Lorenzin, manager sanità incapaci buttano miliardi
FARMACI:ALLERTA AIFA SU ALCUNI ANTIBIOTICI, RISCHIO REAZIONI



wordpress stat