| categoria: turismo

La Croazia punta tutto sul turismo

Nel 2014 gli investimenti diretti nel settore turistico croato, per la ristrutturazione di vecchie e la costruzione di nuove strutture ricettive, dovrebbero raggiungere almeno 410 milioni di euro. Lo afferma il ministro del Turismo croato, Darko Lorencin, riferendosi ai primi dati raccolti dal suo ministero.

”Sebbene si tratti di cifre ancora preliminari, i 410 milioni di euro di investimenti annunciati per quest’anno sono quasi il doppio rispetto al 2013 quando ammontavano a 230 milioni di euro”, ha detto Lorencin. Il ministro ha precisato che da questo calcolo è stata esclusa la stima dell’investimento nell’enorme struttura alberghiera di Kupari, a Dubrovnik, in stato di abbandono dal 1991 quando fu base dell’esercito jugoslavo che teneva in stato d’assedio la famosa località turistica dell’Adriatico croato. ”L’investitore nella struttura di Kupari si saprà entro giugno, quando scadono i bandi per la sua privatizzazione”, ha aggiunto. Queste previsioni, come anche i progetti ancora in preparazione, indicano che la strategia del ministero di realizzare sette miliardi di investimenti nel turismo in sette anni, fino al 2020, potrebbe raggiungere il suo obiettivo. Nel 2013 il turismo in Croazia, l’unico settore dell’economia a non risentire la crisi, ha registrato, rispetto all’anno precedente, un incremento nel numero degli arrivi, del 5,1 per cento, con 12 milioni di turisti stranieri.

Ti potrebbero interessare anche:

Un marchio di qualità per il parco Val Sesia - Val Grande
VENEZIA/Carnevale: oggi, per martedì grasso il gran finale
Pasqua a Cortina, sci e struscio. Grande assente il sole
A Vallerano torna la notte delle candele
Agriturismo, nuovo must per la settimana bianca
Dieci borghi antichi da non perdere a primavera



wordpress stat