| categoria: Dall'interno

ANCONA/Sgozzato in casa: fermata la moglie per omicidio. Il pm: “Delitto di disperazione”

Maria Andrada Bordea, 26 anni, accusata di omicidio

Svolta nel ‘giallo’ del presunto suicidio dell’operaio romeno Dimitru Bordea, 33 anni, che il 2 marzo scorso era stato ritrovato cadavere, con la gola squarciata, ad Agugliano. I carabinieri hanno fermato la moglie Maria Andrada Bordea, 26 anni, con l’accusa di omicidio. La donna aveva detto di aver portato via da casa i due figli piccoli perché il marito, ubriaco, aveva dato in escandescenze spaccando mobili e suppellettili, e minacciando il suicidio. «Mi aveva detto ‘vai via e porta via le bambine, mi ammazzo, non ce la faccio più». Ma io non gli avevo creduto« aveva raccontato Maria Andrada agli investigatori, aggiungendo che il marito, senza lavoro da tre anni, era disperato perché non riusciva a mantenere la famiglia. Il racconto della vedova, e la tipologia delle coltellate rinvenute sul corpo della vittima non avevano però convinto i carabinieri di Osimo e del Comando provinciale di Ancona, che, coordinati dal procuratore Elisabetta Melotti, hanno continuato a svolgere accertamenti sulle circostanze di quello strano ‘suicidio’. Ieri notte, il fermo della compagna di Bordea.

Ti potrebbero interessare anche:

Venezia, nave Msc urta la banchina
Meteo, neve a bassa quota. Gelo da Nord Atlantico e Siberia. Sarà un Capodanno bianco
Rubano 2mila forme di parmigiano: 11 arresti a Modena
Chieti, la truffa delle lauree regalate: anche 8 esami validai in un giorno
QUI VITERBO/ Sosteniamo le start- up attraverso il microcredito
Le manie degli italiani al ristorante, tavolo al centro e niente rumore



wordpress stat