| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Porte aperte al S.Andrea su prevenzione di bulimia e anoressia

I disordini alimentari sono la prima causa di morte delle italiane fra gli 11 e i 35 anni. Sabato il policlinico S.Andrea di Roma apre le porte per la prima Giornata nazionale sui disturbi del comportamento alimentare. L’incontro è patrocinato da ministero della Salute, l’Istituto superiore di sanità, dalle Regione Lazio e dal Comune di Roma Capitale. Durante la giornata il personale del policlinico sarà a disposizione per informare la popolazione grazie ad un team multidisciplinare di esperti e una tavola rotonda sui temi legati ai disturbi alimentari: bulimia, anoressia obesità e i disordini minori. Disturbi in crescente e preoccupante aumento nel nostro Paese – ricorda in una nota il S.Andrea – tradizionalmente associate all’universo femminile, tendono a colpire ormai anche i giovani uomini e ampie fasce di età. Il dato allarmante è l’esordio sempre più precoce che si manifesta già intorno agli otto anni di vita, così come l’esito spesso fatale, per malnutrizione o suicidio. «I dati provenienti d’oltreoceano – spiega Francesca D’Ecclesia, responsabile del Centro multidisciplinare integrato per la diagnosi e la terapia dei disturbi del comportamento alimentare del S.Andrea – ci fanno ben sperare e possono essere un’ottima lezione anche per il nostro Paese. In 10 anni – continua – il tasso di obesità in America per i bambini fra i 2 e i 5 anni è calato del 5%, grazie alla campagna pro – alimentazione sana, di cui è testimonial d’eccezione Michelle Obama. Questa giornata rappresenta la prima pietra per costruire e potenziare una Rete nazionale – conclude – che attraverso la comunicazione tra le diverse professionalità, permetta di affrontare questi disturbi da più punti di osservazione, migliorare l’efficacia dell’intervento e proporre modelli operativi efficaci e condivisi».

Ti potrebbero interessare anche:

Inps blocca le visite fiscali, a rischio mille medici
M5S/ Oggi lo show down sul caso Gambaro, si media per ricucire lo strappo
Roma, lite in discoteca, accoltellato un 19enne
Ue: altri 12 nomi russi in lista nera
COPPA ITALIA/ Viola ko (0-3) Juve vola in finale
"Quei 30 milioni li dirottiamo sull'Idi. Ma al Papa non diciamo niente". Bambino Gesù smen...



wordpress stat