| categoria: sport

Garcia ritrova Totti, non mi vergogno per due Ko

Battere l’Udinese, difendere il secondo posto in classifica, discutere del rinnovo di contratto. Respigendo al mittente le critiche di chi dice che la sua Roma abbia fallito gli appuntamenti decisivi della stagione. Nella testa di Rudi Garcia le questioni che riguardano la squadra giallorossa hanno una gerarchia precisa: quelle che riguardano la squadra vengono prima rispetto agli interessi del singolo. E in cima alla lista delle cose da fare c’è innanzitutto il posticipo di domani sera all’Olimpico contro la squadra di Guidolin che arriva dopo il passo falso del San Paolo. «Vincere è sempre il nostro obiettivo, e abbiamo tanta voglia di tornare a farlo. Napoli è finita, ora conta l’Udinese» confessa il tecnico francese alla vigilia dell’impegno coi friulani che vedrà il ritorno di Francesco Totti: «Quando uno come il capitano torna è sempre una buona notizia, con lui ho più soluzioni in attacco». Scelte praticamente obbligate invece a centrocampo (con Nainggolan e Pjanic assieme a Taddei) per la squalifica di De Rossi e il crac del ginocchio sinistro di Strootman. «Abbiamo avuto tante cattive notizie dall’inizio della stagione, tanti infortunati – ricorda Garcia – ma per questo genere di traumi durante le gare e in allenamento non si può far nulla. È colpa della sfortuna, ci sono stagioni in cui la fortuna non è dalla tua parte, ma anche contro queste cose di deve combattere e andare avanti. Speriamo di aver finito con questi infortuni e di non averne più in futuro». Futuro che per Garcia avrà ancora le tinte giallorosse. In settimana il suo agente, Pascal Boisseau, è stato a Trigoria per una visita di cortesia che dovrebbe aver permesso alla parti di cominciare a gettare le basi per un rinnovo. All’allenatore, che è legato al club fino al giugno 2015, verrà proposto un prolungamento per altre due stagioni (con adeguamento dell’ingaggio) per distoglierlo da possibili tentazioni. «Ma non è il momento per parlare di situazioni individuali, questi discorsi di mercato saranno affrontati a fine stagione. Ora dobbiamo restare concentrati sulla stagione in corso – spiega il francese – La testa di tutti deve essere rivolta solo al campo, a vincere le partite con la Roma e finire la stagione il più in alto possibile». Ovvero quel secondo posto in classifica che garantisce l’accesso diretto alla Champions League senza bisogno di passare dai preliminari. Per restare alle spalle della Juventus, però, i giallorossi dovranno tenere a distanza il Napoli. E proprio le formazioni di Conte e Benitez hanno dimostrato nei confronti diretti di essere superiori a Totti e compagni. «Se ho la sensazione di aver fallito gli appuntamenti più importanti della stagione? Ma perchè è una vergogna perdere in casa della Juve e al San Paolo? – ribatte stizzito Garcia – No, grazie. Io sono contento della stagione della Roma, non è il momento di fare bilanci. Adesso dobbiamo pensare a vincere domani e le gare successive, c’è solo questo da fare. Poi vedremo dove finiremo, se sarà stata una stagione di successo o no, ma non lo sappiamo ancora». Insomma, ogni cosa a suo tempo.

Ti potrebbero interessare anche:

LAZIO/Lotito, "Ho una lista di acquisti, anche un attaccante"
Mondiali, Prandelli taglia Rossi. Sorpresa Insigne
Mancini in pole su Allegri per l'eredità di Prandelli
Roma, il futuro nelle mani di Pallotta, Garcia ora rischia
Lazio inarrestabile, Palermo altro ko in casa
La Juve travolge il Palermo, 4-1



wordpress stat