| categoria: salute

Ricerca, quando l’arte aiuta i malati di Alzheimer

«Segni tra le mani», quando l’arte aiuta i malati di Alzheimer a comunicare. Il progetto verrà presentato giovedì 20 marzo, alle ore 16.00, al Museo della Grafica di Palazzo Lanfranchi, in Lungarno Galilei 9 a Pisa. «Segni tra le mani» prevede una serie di incontri all’interno degli spazi museali: grazie alla tecnica del «Timeslips», gli anziani affetti da alzheimer potranno creare storie e poesie con un eventuale supporto multimediale ispirandosi ad alcune opere tratte dall’ampia collezione del Museo della Grafica. Il progetto «Segni tra le mani» è frutto di una neonata collaborazione fra il Museo della Grafica e alcune strutture di accoglienza e assistenziale sul territorio di Pisa e della Valdera (Azienda per i servizi alle persone «M. Remaggi» di San Lorenzo alle Corti; Rsa Villa Sorriso di Pontedera, Rsa «San Giuseppe» di Ponsacco; Rsa «Dott. Giampieri» di Ponsacco; Associazione «La Tartaruga» di Pisa) ed è dedicato alle persone affette da Alzheimer o da altre forme di demenza e ai loro accompagnatori.

Ti potrebbero interessare anche:

Gambe elettroniche "indossabili", speranze per le lesioni spinali
In Europa le malattie del cervello costano 798 mld l'anno
Birra, patatine e nutella. Quanto si deve correre per bruciare quelle calorie?
LANCET/ La chemioterapia può nuocere al 50% dei pazienti
Due adolescenti su 10 con mal di schiena, solo 7% dal medico
Sos malattie sessualmente trasmesse, +400% casi sifilide



wordpress stat