| categoria: Dall'interno

Scompare un affresco nella domus di Pompei

Da circa una settimana si sono perse le tracce dell’affresco di Artemide che si trovava nella domus di Nettuno degli scavi archeologici di Pompei, in un’area presa in considerazione dal “Grande Progetto Pompei”. Parallelamente a quella avviata a livello internazionale dalle forze dell’ordine, il ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha anche avviato un’indagine interna sull’accaduto. A denunciare la scomparsa dell’affresco ai militari dell’Arma di Pompei, lo scorso 12 marzo, è stata la direttrice degli scavi Grete Stefani. L’affresco, che ritrae la dea Artemide seduta dinnanzi a suo fratello Apollo, è stato sicuramente staccato da mani esperte. Ad appurare la scomparsa del dipinto, ampio una ventina di centimetri, è stato un custode. La Soprintendenza ha disposto un sopralluogo al quale hanno preso i carabinieri che ora stanno indagando, a livello internazionale, sull’accaduto.

Ti potrebbero interessare anche:

Monza, pirata della strada provoca incidente: morto un 15enne, grave la madre
Ferrara 'città della prevenzione', 12mila cittadini con Carta rischio cuore
Venezia, turisti si tuffano dal Ponte di Calatrava
Gianluca Vacchi, 10 milioni di debiti. Bpm pignora ville, barche e quote del golf
Papa Francesco: «Sulla pedofilia la Chiesa ha affrontato crimini in ritardo»
Carnevale di Venezia, il numero chiuso ha funzionato



wordpress stat