| categoria: Senza categoria, turismo

Parma, le meraviglie dell’Oasi di Torrile a “Nel segno del giglio”

«Nel segno del Giglio» (25, 26 e 27 aprile, alla reggia di Colorno) offre ai suoi visitatori una «appendice» di straordinario interesse, l’Oasi di Torrile, una delle aree umide di maggior interesse naturalistico dell’intero asse padano. Grazie alla collaborazione dei giovani, entusiasti attivisti della Lipu di Parma, i visitatori del Nel segno del Giglio saranno accompagnati, gratuitamente, alla scoperta di questo parco che dista pochi chilometri dalla Reggia di Colorno, sede della 21^ mostra mercato del giardinaggio di qualità. Il trasbordo tra Reggia e Oasi si effettua agevolmente con il bus messo a disposizione dagli organizzatori. A «Nel segno del Giglio» la Riserva sarà presente con uno stand. I visitatori della Mostra interessati a visitare l’Oasi, rivolgendosi a questo stand, riceveranno un ingresso omaggio per poter visitare la riserva durante i tre giorni della fiera con visite guidate a loro dedicate (il costo ordinario altrimenti sarebbe 5 Euro a persona). Riceveranno in omaggio inoltre la cartina della Riserva Naturale Regionale di Torrile e Trecasali e materiale promozionale Lipu. Lo stand, oltre al materiale promozionale della Riserva e degli altri parchi della Provincia di Parma, offrirà le tipiche attrezzature del Bird Garden, mangiatoie e nidi per uccelli, cassette nido per pipistrelli e cassette nido per insetti impollinatori, tutte attrezzature indispensabili per avere un giardino in armonia con la Natura e ricco di biodiversità. Elisa Campari e Isabella Gemigniani, patronesse e anima del Nel Segno del Giglio hanno voluto connotare «nel segno dei giovani» questa 21/a edizione della loro popolare manifestazione: quindi vivaisti giovani ed entusiasti, esattamente come giovani ed entusiasti sono gli operatori Lipu che salvaguardano flora e fauna dell’Oasi di Torrile, nata nel 1988 proprio grazie alla loro caparbietà e lavoro. Così una distesa di campi coltivati a mais e barbabietole è stata gradualmente trasformata in una zona umida naturale che si integrasse con le adiacenti vasche dello zuccherificio Eridania e che potesse attirare ed ospitare i numerosi uccelli di passo che, grazie alla vicinanza del Po, transitavano ancora numerosi in zona.Conosciuta dapprima come Oasi Lipu di Torrile, dal 2010 l’Oasi è diventata la «Riserva naturale di Torrile e Trecasali» con un’estensione totale di 110 ettari e l’inclusione dei fontanili di Viarolo. Dal 2011 la Lipu collabora con Provincia Parma ed Ente di gestione Parchi Emilia occidentale per le attività gestionali. Nell’ambiente dell’ecosistema palustre, in pochi anni sono state osservate più di 300 specie di Uccelli. Il periodo migliore per l’osservazione è la primavera, quando dai capanni di osservazione si possono avvistare le colorate Sgarze ciuffetto pescare sulle foglie della Ninfea gialla. È comunque possibile osservare tutte le specie di ardeidi italiani che nidificano nella garzaia di importanza internazionale con circa 500 coppie. Poi le anatre: coloratissimi i maschi, mimetiche le femmine. Durante le migrazioni è possibile osservare stormi anche numerosi di Germano reale, Codone, Mestolone, Fischione, Alzavola, Marzaiola, Moriglione e Canapiglia. Ma la specie che in primavera attira maggiormente l’attenzione dei visitatori è il Cavaliere d’Italia, inconfondibile per le lunghissime zampe rosse, il piumaggio bianco e nero e il becco sottile. Gli isolotti che costellano gli specchi d’acqua della Riserva sono i luoghi preferiti anche dalla Sterna comune, per costruire il nido. Tra i limicoli presenti anche la Pavoncella, la Pantana, il Totano moro, il Combattente, il Beccaccino ed il Chiurlo maggiore. Il fiume Po che scorre vicino è come una grande «autostrada» percorsa dai migratori. Così in primavera e in autunno arrivano alla Riserva specie rare come la Cicogna nera, il Falco pescatore, l’Aquila anatraia maggiore, il Mignattaio, la Spatola (quest’ultima negli ultimi anni nidifica nella garzaia). Qualche segnalazione eccezionale avviene anche nel periodo invernale, come quelle della stupenda Aquila di mare e del velocissimo Falco pellegrino. Gli itinerari dell’area attrezzata della Riserva Naturale di Torrile e Trecasali si sviluppano lungo percorsi su terra battuta e polvere di frantoio, accessibili ai disabili, che portano ai 6 capanni di osservazione. Inoltre è presente un Centro visite con sala conferenze, aule didattiche, gazebo in legno e pannelli didattici, che fanno parte del nuovo Centro per il turismo naturalistico e l’educazione ambientale. (segue) (Red/Zn/Adnkronos) 23-MAR-14 18:35 NNN

TURISMO: PARMA, LE MERAVIGLIE DELL’OASI DI TORRILE A «NEL SEGNO DEL GIGLIO» (5)

(Adnkronos) – Numerose le attività e gli Eventi natura organizzati. La Riserva è dotata di un ampio e tranquillo parcheggio, dove è possibile prenotarsi per pernottare con il camper. La Riserva è accessibile ai disabili e dalla primavera 2007 la Provincia di Parma ha dotato l’area protetta di uno scooter apposito per turisti con disabilità motorie e sensoriali. Occasione da non perdere quindi, quella proposta da Nel segno del Giglio 2014 all’Oasi di Torrile. Per scoprire come la natura violata, se le si da il tempo e si creano le occasioni per riprendersi la dignità di cui è stata sfregiata dall’uomo, riesca a tornare quel luogo meraviglioso ed accogliente che è stata. «Nel segno del Giglio» è organizzata e curata da Artour s.c., in collaborazione con il Comune di Colorno.

Ti potrebbero interessare anche:

Letta a Madrid, ora task force per l'occupazione, non è un match con la Merkel
One Direction, Harry Styles è fidanzato? Un film per farsi conoscere dai fan
Migranti, Cameron appoggia Renzi. E l'Ungheria costruisce un muro al confine con Serbia
A Civita di Bagnoregio, nel borgo che non vuole morire
Nel Lazio 70.000 anziani con demenza. A Roma corso formativo per medici di famiglia
Tav: arriva il dossier costi-benefici. 'Costa 7 miliardi di troppo'



wordpress stat