| categoria: salute

Il Botox può aiutare chi ha l’asma

Immobilizza i muscoli e cancella le rughe, aiuta gli habitué dell’ascella pezzata a sudare meno ma può dare un sollievo anche ai pazienti d’asma che soffrono di problemi alla laringe. Questa l’ultima funzionalità del Botox sperimentata dai medici dell’istituto Monash Health a Melbourne e descritta su Respirology.
La ricerca – Il trattamento è stato testato su undici pazienti di asma severa che soffrivano di spasmi nelle corde vocali, oltre che nei polmoni. La condizione può causare episodi di grave mancanza di respiro e tosse ansimante, ed è spesso scambiata per asma regolare.

E’ stato usato un broncoscopio per osservare l’interno delle corde vocali e guidare le iniezioni in un’area specifica del tessuto della corda vocale, dove è stata iniettata una piccola dose della tossina botulinica. Questa ha parzialmente paralizzato i muscoli, permettendo alla laringe di rilassarsi e all’aria di fluire verso i polmoni.

Un mese dopo il trattamento, la Tac ha mostrato un miglioramento nelle dimensioni delle vie respiratorie e la maggioranza dei pazienti ha riportato attenuazioni significative nei sintomi di asma. Gli effetti del Botox di solito durano due o tre mesi. Un rovescio della medaglia è una riduzione nel tono della voce. Sarà necessaria una sperimentazione di maggiore scala per confermare i risultati dello studio.

Ti potrebbero interessare anche:

Dalle mele arriva la cura per il cancro
TUMORI/Oncologi, quello al seno guarisce in 9 casi su 10, grazie a diagnosi precoce
Il fumo “danneggia (anche) la schiena” rovinando i dischi intervertebrali
Pericolo fibrillazione atriale, soprattutto per le donne. Le 10 regole per prevenirla
Dormire troppo poco fa male al colesterolo
Supervista con ginnastica degli occhi, atleti con 20 decimi



wordpress stat