| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Progetto sperimentale per l’odontoiatria pubblica? Mozione in Consiglio regionale

«Una mozione con la quale si impegna il Presidente della Regione ad intraprendere ogni iniziativa volta ad elaborare nella Regione Lazio un protocollo per la sperimentazione di un progetto finalizzato a creare un circuito a sostegno dell’odontoiatria pubblica, tra studi odontoiatrici privati e laboratori odontotecnici autorizzati a supporto anche delle strutture pubbliche, per garantire prestazioni odontoiatriche e fornitura di protesi dentali di alta qualità a tariffe calmierate. L’ha presentata il consigliere Regionale Riccardo Agostini (Pd), membro della commissione sanità. La mozione, scrive Agostini, è finalizzata a rispondere »al bisogno di salute orale, nel pieno rispetto del diritto alla salute come prerogativa della nostra società e dei suoi cittadini, senza distinzioni socio-economiche«. Così in una nota l’ufficio stampa di Riccardo Agostini. »Asl e ospedali stanno sperimentando nuove strade per consentire cure sanitarie ambulatoriali economicamente sostenibili per tutti, ma al tempo stesso trovano grosse difficoltà economiche nel mantenere strutture e personale. Anche in virtù di nuovi modelli sanitari in ambito europeo – scrive ancora nel documento il consigliere del Partito Democratico – si potrebbero sperimentare convenzioni tra pubblico e privato in grado di garantire l’universalità delle cure odontoiatriche, coniugando costantemente la domanda crescente di salute, propria di una società che si evolve e che mira al conseguimento del massimo benessere possibile, che con la limitatezza delle risorse disponibili, porta necessariamente ad un nuovo modo di pensare l’assistenza sanitaria. Nell’ambito delle diverse prestazioni odontoiatriche, quelle connesse alle protesi hanno un valore economico molto importante, e a questo proposito, considerato che il sistema odontoiatrico italiano, essendo quasi esclusivamente privato, fa sì che per le protesi si debba attingere alla capacità di risparmio delle famiglie, molto spesso la protesi dentale è quindi una spesa sostitutiva di altre riguardanti la famiglia. Nel tempo – conclude Agostini – la minor domanda porterà ad un peggioramento della salute orale. E non bisogna perciò abbassare la guardia ,perché il rinvio delle cure porta a spese maggiori in seguito, e anche in questo settore prevenire è uguale a risparmiare«.

Ti potrebbero interessare anche:

"Ispezione" di Grillo e dei parlamentari M5S
Troppa nebbia attorno alle case della salute, Barillari (M5S) chiede chiarimenti su Sezze e Pontecor...
IL CASO/ Il sindaco dimentica di firmare e l'Auditorium resta senza vertici
LUXOTTICA/ Holding Del Vecchio acquista azioni per 38,6 milioni
Trump giura da presidente, Washington blindata e proteste
Ama, la protesta in Campidoglio dei lavoratori in sciopero: vogliamo certezze



wordpress stat