| categoria: politica

Prepensionamenti degli statali, la Madia insiste: staffetta generazionale

«Un grande progetto di staffetta generazionale con un processo di riduzione non traumatica dei dirigenti e dei dipendenti vicini alla pensione per favorire l’ingresso di giovani – ha detto oggi il ministro per la Semplificazione e la PA, Maria Anna Madia, in audizione alla commissione Affari costituzionali alla Camera – Se non si fa, non ci può essere rinnovamento dell’amministrazione, ma solo agonia».

Madia: la “staffetta” non mette in discussione la riforma delle pensioni. «L’operazione della staffetta generazionale nella Pa non vuole mettere in discussione gli equilibri realizzati con la riforma della previdenza attuata nel dicembre 2011 – ha detto il ministro – Garantirebbe da un lato una forte iniezione di indispensabile rinnovamento, dall’altro un risparmio complessivo per le casse dello Stato, dato dalla differenza tra gli stipendi attualmente pagati e quelli dei neo assunti, al netto della spesa per le pensioni erogate in anticipo».

«Non serve il blocco del turn over». «Io credo, noi crediamo, che l’amministrazione non può permettersi, e nemmeno serve, il blocco del turn over – ha detto Madia – Invece è necessario fare scelte consapevoli per operare un rinnovamento anche con competenze fresche».

«Pronta a confronto innovativo con le parti sociali». «Sono pronta a un confronto innovativo di idee con le parti sociali, che ho già iniziato a incontrare» Ha sottolineato Madia.

«80 euro in più sono un rinnovo di contratto». «Gli 80 euro in più in busta paga significano di fatto, per il pubblico impiego, l’equivalente di un rinnovo contrattuale che altrimenti non sarebbe stato possibile» ha detto il ministro, sottolineando che sulla spending review intende «non solo far rispettare gli obiettivi di spesa che come governo ci daremo, ma attuare un piano strutturale di risparmio vincolato ad un ritorno di investimento nella Pa».

Ragioneria dello Stato: per il progetto Madia serve una copertura. La Ragioneria generale dello Stato boccia la proposta del ministro Madia di prepensionare gli statali. «Se si mandano via persone che non vengono rimpiazzate – ha detto Francesco Massicci, a capo dell’Ispettorato generale per la spesa sociale della Rgs in un’audizione – viene meno lo stipendio e la pensione ed è un costo neutrale. Ma se mando via persone che devo sostituire, devo pagare lo stipendio, la pensione e la buonuscita, e la legge deve prevedere una copertura».

Ti potrebbero interessare anche:

LEGGE DI STABILITA'/ Sotto tiro i vitalizi, oltre tremila emendamenti
Consulta, Napolitano: d'accordo con Zagrebelsky, Camere legittime
SINISTRA/ Sel punta a gruppi in ottobre, Civati dice no
Cinque Stelle nel caos, e Pizzarotti vuol portare Grillo in tribunale
SCHEDA/ Una berlusconiana di ferro alla guida del Senato
Statali, addio al cartellino: ok alle impronte digitali e al controllo dell'iride



wordpress stat