| categoria: Roma e Lazio

TSUNAMI TOUR/ Occupazioni, si prepara il corteo nazionale di sabato

Una raffica di occupazioni a Roma, con un presidio al commissariato di Porta Pia, per dare il via ad una mobilitazione dei movimenti antagonisti che porterà al corteo nazionale di sabato 12 aprile nella Capitale, contro l’austerity e i palazzi del potere. Il terzo «Tsunami tour» è partito con le occupazioni di sei stabili avvenute oggi in città. Non sono mancati i momenti di tensione e – secondo i manifestanti – una carica da parte della polizia. Questa mattina la prima occupazione si è verificata in un ex studentato in via Cesalpino, a Porta Pia, che è stato poi sgomberato dalle forze dell’ordine nel pomeriggio. Gli occupanti, che si erano asserragliati sul tetto, hanno riferito che due ragazzi sono stati colpiti e feriti durante l’irruzione degli agenti. I due, che sono stati denunciati, sono stati medicati al pronto soccorso. Ma altre occupazioni erano seguite a Torre Spaccata, a Ponte di Nona, a Montagnola, ai Prati Fiscali e ad Ostiense, in via del Commercio. Qui gli attivisti, schierati davanti all’ingresso per impedire lo sgombero, hanno detto di essere stati caricati. Un operatore di «H24» sarebbe stato ferito alla testa da una manganellata. Quindi i poliziotti sono entrati nella struttura. Il blitz più grande per dimensioni, invece, è stato quello di via Baldassarre Castiglione alla Montagnola, dove circa 300 nuclei familiari (per un totale che si avvicina alle 700 persone) sono entrati in un enorme palazzo di uffici di proprietà dell’Inarcassa. «Siamo gli invisibili – hanno scritto gli attivisti in un comunicato – quelli che non rientrano nelle statistiche ufficiali e che non possono accedere ad alcun ammortizzatore sociale; ci chiamano Neet (acronimo inglese di Not (engaged) in Education, Employment or Training, ndr) e secondo l’informazione ufficiale siamo quelli che non studiano, non lavorano, non partecipano a percorsi formativi e sono mantenuti dai loro genitori».

Ti potrebbero interessare anche:

Bulgari restaurerà la scalinata di Trinità dei monti
Rifiuti, erbacce, infiltrazioni e calcinacci. Così il Flaminio muore
Monteverde, presa la baby gang che terrorizzava i bengalesi.
L'offensiva continua, chiusa la pizzeria Virgilio a Campo dei fiori. Blatte e sporcizia
Viterbo, dove mettiamo i nuovi immigrati? La politica litiga
M5s, Di Maio si difende: "Vidi Marra e gli dissi che se ne doveva andare"



wordpress stat