| categoria: politica, Senza categoria

EUROPEE/ Grillo lancia una raccolta di fondi, obiettivo un milione di euro

– Beppe Grillo lancia la raccolta fondi per la corsa del M5S alle europee. Lo fa con un video messaggio affidato al suo blog: «Ci servono dei soldi, non vi chiedo tanto. Un milione di euro – dice – Contribuiremo tutti, 5, 10, 20, 1.000. Pochi ma buoni, pochi da tutti». Grillo esordisce nel video con lo stile che più li è congeniale. «Dove avete messo le liste della Calabria? Della Valle d’Aosta? Non trovo la Puglia, non trovo la Puglia – scherza – Signori siamo ridotti così, nell’era della digitalizzazione totale, Casaleggio Associati – primi nel mondo come software – siamo pieni di faldoni, di carte, 600 liste per le amministrative». «Adesso siamo alle Europee – incalza – Secondo i nostri sondaggi per le europee siamo circa all’85%, allora devo fare qualche cosa per abbassare il gradimento. Non lo so, farò qualche cosa di clamoroso, mi metterò della droga in macchina. Comunque voglio dirvi una cosa, noi andiamo a una guerra all’ultimo sangue. O eliminiamo questa classe politica imprenditoriale corrotta, fino al midollo, o non ne usciamo. È inutile parlare di lira, euro, se poi rimangono gli stessi economisti, banchieri e via dicendo». «Quindi andiamo a fare elezioni straordinarie. Abbiamo fatto le primarie, e siamo stati gli unici – rivendica – 33 mila persone hanno espresso 90 mila preferenze, adesso abbiamo 73 candidati sconosciuti alle procure di tutta Italia. Le procure sono in clamoroso allarme, non sanno chi sono. Noi andremo lì, ma abbiamo bisogno di fondi, perchè siamo ridotti così, faldoni, faldoni, firme, non faccio altro che firmare dal notaio. Mi sono fidanzato con un notaio».
«Dobbiamo andare alle Europee con una forza tremenda – prosegue Grillo – e fare vedere che cosa può diventare il Parlamento europeo. Ci servono dei soldi, non vi chiedo tanto. Un milione di euro. Contribuiremo tutti, 5, 10, 20, 1000. Pochi ma buoni, pochi da tutti». «Faremo come le politiche di due anni fa: abbiamo fatto una cosa meravigliosa, abbiamo raccolto 750 mila euro, se vi ricordate, ne abbiamo spesi 350 mila. E i rimanenti 450 mila li abbiamo distribuiti: la prima tranche di 380 ai terremotati del modenese, adesso è aprile e daremo la differenza, ancora 80 mila euro. Faremo la stessa cosa – assicura il leader M5S – se avanzeranno dei soldi questa volta deciderete voi, deciderà la rete a chi dare la differenza dei soldi che resteranno». «Abbiamo bisogno di soldi, perchè noi non ne prendiamo da nessuno – sottolinea – non prendiamo neanche il due per mille, neanche il due per mille ci hanno detto, perchè noi non siamo un partito politico, e siamo orgogliosi di non esserlo! Però abbiamo bisogno di una forza tremenda e anche un pochino di forza economica. Io vi abbraccio, vinciamo noi, siamo ai sondaggi, l’ultimo mi è arrivato trenta secondi fa, siamo al 92%, devo fare qualche cosa di clamoroso per abbassare il gradimento», conclude con un «vinciamo noi».

Ti potrebbero interessare anche:

Occhio a dolci con le nocciole, in aumento i bimbi allergici
Striscia smaschera il "finto rom" di Quinta Colonna. Mediaset licenzia l'autore del serviz...
metro B: forti ritardi per un guasto a un treno, l'intera linea in tilt
Piano antisismico nazionale. Da tre anni la proposta in Parlamento. Che fine ha fatto?
San Valentino, fuga romantica in 4 case da film
Notre Dame in fiamme, il mondo attonito



wordpress stat