| categoria: spettacoli & gossip

Al Pistoia Blues Festival 2014 Lee Scratch Perry

Nella serata del 12 luglio, prima dell’esibizione della Bandabardò, salirà sul palco di Piazza Duomo l’icona del reggae giamaicano Lee “Scratch” Perry andando ad arricchire ulteriormente il cast della 35esima edizione del Pistoia Blues Festival. L’artista internazionale che ha fatto la storia della musica reggae e ha inventato il genere dub, presenterà il nuovissimo album “Back on Controls” in uscita ad Aprile 2014.

Lee «Scratch Perry» (il più famoso fra i suoi pseudonimi), classe 1936, è un personaggio eclettico: cantante, musicista, produttore discografico e fonico. Negli anni ’50 comincia a lavorare come produttore, firmando molti dei primi successi di Delroy Wilson, e produce pure musica propria: uno dei primi pezzi pubblicati, Chicken Scratch, gli vale il soprannome che porta ancora oggi.

Verso la fine degli anni ’70 Lee Perry è uno dei primi artisti al mondo ad inserire campioni musicali nei suoi brani, ponendo le basi per l’invenzione del dub. Dal 1971 al 1973 Perry collabora con Bob Marley, producendo singoli di successo e tre album: Soul Rebels, Soul Revolution e Soul Revolution part II.

In quegli stessi anni, insieme al giovane tecnico del suono King Tubby, fonda il leggendario Black Ark Studios a Kingston, dando vita a quelle sonorità che prendono presto il nome di Dub: Blackboard Jungle Dub, del 1974, è uno dei primi veri album del genere ad essere pubblicati. Nel 1998 i Beastie Boys gli dedicano il brano Dr. Lee PhD, dove lo stesso Perry è presente.

Ti potrebbero interessare anche:

Al via Italia’s Got Talent, Belen Rodriguez: “Rischio di partorire sul palco”
"Inferno". Ispirato a Dante e ambientato in Italia il nuovo romanzo di Dan Brown
Facchinetti dimentica la Marcuzzi con Nicole Minetti
Gli Stones ipnotizzano Hyde Park
Adriano Giannini è Boris Giuliano nella nuova fiction di Rai1
Premio Strega, vince "La ragazza con la Leica" di Helena Janeczek



wordpress stat