| categoria: Roma e Lazio

EMERGENZE SOCIALI/ Uccide figlio disabile e moglie e poi chiama la polizia

Uccide moglie e figlio e poi chiama la polizia. È avvenuto questa mattina verso le 7 in via Maria Pezzè Pescolato, dove un 75enne è stato arrestato dalla Polizia. L’uomo infatti ha telefonato alle forze dell’ordine autodenunciandosi per l’accaduto. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Primavalle che hanno arrestato l’uomo che li stava aspettando a casa. Al momento gli investigatori stanno ascoltando il 75enne per ricostruire il movente del duplice omicidio. Secondo i primi rilievi l’uomo ha prima soffocato il figlio disabile con un cuscino, poi ha tentato di fare lo stesso con la moglie senza riuscirvi. Quindi le ha sparato alla testa con una pistola. Alla base del delitto vi sarebbe lo stato di disperazione in cui versava l’uomo per una situazione ormai insostenibile, a causa della malattia della moglie di 64anni, e della disabilità del figlio 36enne. La donna sarebbe stata infatti malata e per questo avrebbe deciso di ucciderla.

Ti potrebbero interessare anche:

Coetanei come schiavi, sgominata banda di bulli
Marino non s'arrende a Renzi. Via Improta, arriva il city manager: pronti Fucito o Meta?
I cantieri infiniti del Giubileo. Termini, dove anche Tronca si deve arrendere
Dacca, tra le vittime un'imprenditrice di Viterbo e una sua dipendente di Magliano Sabina incinta
IL CASO/ Separato in Giunta, la paradossale evoluzione del caso Berdini
“INTERE STRADE AL BUIO DA MESI, ACEA SPIEGHI MOTIVI RITARDI"



wordpress stat