| categoria: Roma e Lazio

EMERGENZE SOCIALI/ Uccide figlio disabile e moglie e poi chiama la polizia

Uccide moglie e figlio e poi chiama la polizia. È avvenuto questa mattina verso le 7 in via Maria Pezzè Pescolato, dove un 75enne è stato arrestato dalla Polizia. L’uomo infatti ha telefonato alle forze dell’ordine autodenunciandosi per l’accaduto. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Primavalle che hanno arrestato l’uomo che li stava aspettando a casa. Al momento gli investigatori stanno ascoltando il 75enne per ricostruire il movente del duplice omicidio. Secondo i primi rilievi l’uomo ha prima soffocato il figlio disabile con un cuscino, poi ha tentato di fare lo stesso con la moglie senza riuscirvi. Quindi le ha sparato alla testa con una pistola. Alla base del delitto vi sarebbe lo stato di disperazione in cui versava l’uomo per una situazione ormai insostenibile, a causa della malattia della moglie di 64anni, e della disabilità del figlio 36enne. La donna sarebbe stata infatti malata e per questo avrebbe deciso di ucciderla.

Ti potrebbero interessare anche:

Marino striglia i costruttori, rispettate gli impegni
Comune "sotto tutela". Municipi e dipartimenti, in arrivo sei commissari?
Termini osservata speciale, ad aprile sanzioni per centomila euro e 1662 automobilisti multati
Roma Metropolitane, si chiude? Rissa verbale in Aula Giulio Cesare
'Dossier contro De Vito per favorire Raggi? Fantapolitica'
Pomezia, brucia di nuovo la Eco X



wordpress stat