| categoria: In breve

Pescasseroli (AQ), il parroco stroncato da un infarto

don Daniele Mussa

È morto improvvisamente, l’abate parroco di Pescasseroli don Daniele Mussa. È venuto a mancare per un infarto in un giorno di festa. Così, nella Domenica delle Palme ha fatto il suo ingresso nella “Gerusalemme celeste”, con il suono a distesa delle campane. Martedì 15 aprile alle ore 10.30 verranno celebrati i suoi funerali. Il Comune di Pescasseroli ha deciso di indire il lutto cittadino.
Il sacerdote si sarebbe sentito male ieri alle ore 16 e in pochi minuti è deceduto a causa di un arresto cardiaco. Si trovava nella sua abitazione presso la sacrestia. Intanto, all’interno della chiesa dei Ss Pietro e Paolo, un gruppo di bambini faceva le prove per una rappresentazione da tenere la sera stessa.
L’ambulanza dei volontari della “16 maggio ’82″ e il medico in servizio hanno potuto constatare il decesso, mentre attorno all’abbazia in breve è arrivato un gran numero di persone, tra cui il maresciallo della locale stazione dei carabinieri.

Il parroco nei giorni passati aveva seguito le Quarantore e la maggior parte dei riti di preparazione per la Pasqua. Ieri mattina aveva celebrato la messa e si era spostato dalla chiesa del Carmelo all’abazia sul dorso di un asinello, riproponendo l’ingresso a Gerusalemme di Gesù, mentre la folla agitava rami di palma in segno di festa e di pace. Nella lunga liturgia, la sua omelia era stata essenziale. “Vi invito a meditare durante la settimana, il Passio – aveva detto – e buona Settimana Santa a tutti”.

Don Daniele accusava qualche malore negli ultimi giorni e più di qualcuno lo aveva notato non stare bene. Disturbi apparentemente lievi, problemi di tipo digestivo, episodi di vomito, sudorazioni. “Ha pensato di aver preso freddo ieri mentre faceva le confessioni o di avere un’influenza di tipo intestinale”, racconta una donna con cui ha parlato timidamente del suo malessere. Nulla che facesse presagire la repentina gravità delle sue condizioni, anche perché circa una settimana fa aveva compiuto alcuni normali accertamenti di salute.
Di origini piemontesi, don Daniele Agustin Mussa era nato in Argentina, a Buenos Aires, nel 1951. Il prossimo 10 maggio avrebbe compiuto 63 anni. Fu ordinato sacerdote nel 1982 ed è stato parroco di Pescasseroli dal 2008. Plurilaureato e uomo dotato di raffinata preparazione intellettuale, ha insegnato religione e lingua spagnola in alcune scuole. Ha fatto parte del Tribunale ecclesiastico regionale Abruzzo/Molise.
Martedì il rito funebre sarà officiato dal vescovo dei Marsi S.E. monsignor Pietro Santoro e il feretro sarà accolto nel cimitero di Celano. Ora, potrebbe esserci qualche prevedibile difficoltà nelle celebrazioni della Settimana Santa, a cui prenderanno parte altri sacerdoti, tra cui l’ex parroco don Vincenzo.

Ti potrebbero interessare anche:

Incendi, fiamme spinte da vento devastano boschi della Liguria
Iran: Rohani contestato al rientro a Teheran, lanciate scarpe contro l'auto
Il principe Carlo sempre più lontano dal trono: colpa di Camilla?
MALTEMPO/ Neve e ghiaccio in Ciociaria, disagi e incidenti
Spagna: Rajoy annuncia elezioni politiche, 20 dicembre
Sant'Oreste, parte lo Spazio Salute Donna “La Sentinella”



wordpress stat