| categoria: attualità

Social network, i nuovi padroni del tempo dei giovani

Bambini sotto i 10 anni collegati a Internet fino a 5 ore al giorno

Nove ragazzi su 10 navigano ogni giorno almeno 3 ore al giorno. Ci sono anche i bambini che hanno meno di 10 anni che si connettono per più di 5 ore al giorno. L’indagine, seguita dallo staff del dipartimento di psicologia dell’università Lumsa di Roma, lancia un serio allarme sulla condizione giovanile

Internet e i giovani. Quali effetti possono avere su relazioni affettive e comportamentali? Ecco i risultati dell’indagine commissionata dal Moige, movimento genitori, sull’uso di internet da parte dei minori, condotta dal Prof. Tonino Cantelmi, professore incaricato di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione, della Università Lumsa di Roma. La ricerca si è basata su un campione di circa 1000 studenti delle scuole elementari, medie e superiori, ed è emerso che 9 minori su 10 (l’87,8%) navigano in rete quotidianamente. Il 18% degli intervistati afferma di trascorrere in rete più di 3 ore al giorno: di questi, 5 su 10 (50,5%) ha dagli 11 ai 13 anni. Sono invece circa l’8% i bambini che si connettono ad Internet per più di 5 ore e hanno meno di 10 anni.

È aumentata anche la disponibilità di utilizzo del mezzo: 9 ragazzi su 10 dispongono di un computer a casa, ma il 39,4% utilizza il computer portatile e il 29,9% usa il mezzo dalla propria camera da letto. La percentuale più alta di coloro che utilizzano il pc in camera si concentra nella fascia d’età 11-13 (38,6%).

Sei intervistati su 10 (57,6%) hanno risposto che sono da soli quando utilizzano internet. Allarmanti le percentuali rilevate secondo le classi di età: i minori dai 6 ai 10 anni che fruiscono della rete senza la presenza del genitore sono il 31,2%, addirittura 7 su 10 (72,5%) per la classe dagli 11 ai 13 anni, fino ad arrivare alla quasi totalità nella fascia che prevede i ragazzi dai 14 ai 20 (8 ragazzi su 10 sono privi del controllo diretto di un adulto).

Non lo studio, ma la ‘’socializzazione’’ ed il divertimento sono azioni privilegiati: solo 1 su 10 si connette per studiare e fare ricerche, tutte le altre motivazioni rimandano ad aspetti ricreativi come chattare (24%), ascoltare musica, guardare immagini e, qualche volta, ad attività illecite come scaricare film e musica. Il 5% risponde di preferire Internet a uscire con gli amici e il 16% dichiara di connettersi per distrarsi da emozioni spiacevoli.

Internet è diventato un “luogo” di incontro: di fatto il 26% degli intervistati lo utilizza per cominciare nuove amicizie, il 15% dei ragazzi afferma di possedere in egual numero ‘’amici’’ su Internet rispetto al mondo reale e addirittura l’8% afferma di possederne di più nel mondo del web. Le relazioni affettive nate in rete interessano il 9% dei giovani, la percentuale sale al 16% per la fascia 14-20. Per quanto riguarda la suggestione che il computer suscita nei confronti dei ragazzi il 37% degli intervistati afferma che spesso o sempre il tempo davanti al pc trascorre senza che loro se ne accorgano, il 21% attende con ansia il momento in cui si può collegare ad Internet e il 24% dei ragazzi afferma di non riuscire a rimanere tranquillo se per un giorno non può navigare.

I Social Network sono molto utilizzati: 6 su 10 (61%) dei ragazzi intervistati dichiara di esservi iscritto. Facebook la fa da padrone: quasi 9 ragazzi su 10 lo scelgono. Sembra prevalere un “controllo ambientale generico” da parte dei genitori. Le misure di controllo e prevenzione adottate dai genitori sono molto blande: solo il 18,6% impartisce dei limiti di tempo nell’utilizzo del computer ai loro figli contro il 35% che non si è mai posto questo problema. Per quanto riguarda la fascia d’età 6-10, solo 3 genitori su 10 (32,7%) sono attenti all’utilizzo che i loro figli fanno di internet (ma solo il 9% se i figli hanno tra gli 11 e i 17 anni). Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

SOCHI/Falce e martello alla cerimonia, pochi i big dall'Occidente
Allerta Viminale, attesi migliaia di sbarchi. Salvini, pronti ad occupare gli alberghi
Nuovi sbarchi e salvataggi, arrivano a centinaia in Sicilia e Puglia
SISMA/ Sopraluogo della Giannini: siamo qui per lavorare"
Coronavirus, ministero Salute: "Test rapidi anticorpi non attendibili"
Covid, "siamo sul crinale, decisive prossime 2 settimane"



wordpress stat