| categoria: salute

Distrofia muscolare passi avanti da uno studio italo-americano

Passi avanti contro la distrofia muscolare di Duchenne. ‘Genes and Development’ pubblica oggi lo studio condotto dall’èquipe di Pier Lorenzo Puri, che rivela i meccanismi molecolari alla base della potenziale efficacia terapeutica di una classe di farmaci (chiamati inibitori delle deacetilasi) nel promuovere la rigenerazione muscolare e prevenire fibrosi e deposizione di grasso nel topo. Il team di ricercatori della Fondazione Santa Lucia (Roma, Italia) e il Sanford-Burnham Medical Research Institute (San Diego, California), in collaborazione con il gruppo di Saverio Minucci presso lo European Institute of Oncology (Milano, Italy), ha svelato i componenti di un circuito molecolare che controlla l’attività di una popolazione di cellule (chiamate progenitori fibro-adipogenici) che svolgono un ruolo chiave nella progressione della distrofia muscolare di Duchenne. Il team di Pier Lorenzo Puri studia da anni i meccanismi molecolari coinvolti nella rigenerazione muscolare. I risultati ottenuti dal gruppo hanno portato nel 2013 all’avvio della sperimentazione clinica con Givinostat, un particolare tipo di inibitore delle Hdac, che valuterà la capacità di questo farmaco di replicare l’effetto pro-rigenerativo osservato nel topo modello per la distrofia muscolare di Duchenne, anche nei ragazzi affetti dalla patologia.

Ti potrebbero interessare anche:

Da obesità a tiroide, endrocrinologi a confronto sull'universo infantile
'Bombe antitumorali', la nuova arma della ricerca genetica
Come correggere sul campo da calcio i movimenti di un soggetto con disabilità intellettive
Dall'apnea notturna all'ipertensione, cosa dicono cuore e cervello
A tu per tu con la dr.ssa Lara Lanuzza - Regolarità Intestinale
Un cerotto smart contro l'abuso di antibiotici



wordpress stat