| categoria: Senza categoria, turismo

Touring Club, il 70% degli italiani farà una vacanza tra Pasqua e il primo maggio

Il 70% dei connanzionali farà una vacanza tra Pasqua e i «ponti» del 25 aprile e del primo maggio confermando i segnali di risveglio del turismo che fanno intravedere uno spiraglio di sole nel buio della crisi. È quanto sostiene il Centro Studi del Touring Club Italiano, che diffonde i risultati raccolti da un’indagine online sulle intenzioni di vacanza degli italiani. Il 41% di coloro che trascorreranno un periodo di vacanza sceglie l’estero; le destinazioni preferite sono Spagna (11,5%), Francia (11%), Germania (che si identifica esclusivamente con Berlino) e Stati Uniti d’America (5%). Il restante 59% preferisce destinazioni italiane come Trentino-Alto Adige (17,5%), Toscana (12%) e Veneto (11%). Se si guarda agli short breaks, all’estero Parigi è ancora la metà più ambita dai nostri connazionali, seguita da Londra, Berlino, Amsterdam, Barcellona e Vienna. In Italia, oltre alle destinazioni di turismo culturale tradizionale (Roma, Firenze e Venezia) non mancano alcune sorprese, probabilmente legate anche alla capacità dei diversi territori di rendersi attrattivi con eventi e mostre: dal quarto al sesto posto, infatti, si trovano Bologna, Genova e Verona; seguono poi Milano, Napoli e Torino. Poche le mete al Sud (se si esclude Napoli) a conferma che le sue potenzialità come attrattore culturale sono ancora scarsamente sfruttate. Per viaggi primaverili 2014 la componente economica – spiega il Centro studi del Touring Club – è molto rilevante. I dati sottolineano una forte differenza nella capacità di spesa tra chi andrà all’estero (solo 1 su 3 spenderà meno di 500 euro mentre il 27% oltre 1.500 euro) e chi resterà in Italia (il 70% spenderà non più di 500 euro). A influenzare la scelta della vacanza sono la bellezza dei luoghi (78%), una buona offerta culturale (36%) e l’enogastronomia (17%). Le vacanze degli italiani, secondo quanto emerge dall’indagine, saranno all’insegna della «dinamicità» per coloro che andranno all’estero: il 44% dei rispondenti farà, infatti, tour a scapito di soggiorni sempre nel medesimo luogo. Chi rimane in Italia farà, invece, vacanze stanziali nel 39% dei casi.

Ti potrebbero interessare anche:

Ferrari, io ministro? Più utile dove sono ora
Le Poste britanniche potrebbero finire in mani straniere
Sassuolo festeggia, conferma Di Francesco e sogna San Siro
Chiusi all'ospedale di Marino il reparto di ostetricia, la sala parto e il nido?
Emergenza Rom all'orizzonte per Fregene, stabilimenti sotto schiaffo?
Giancarlo Tulliani arrestato a Dubai



wordpress stat