| categoria: esteri

Nepal, dopo strage sherpa abbandonano campo base Everest

Madre di alpinista nepalese ucciso da una valanga sul Monte Everest

Gli alpinisti nepalesi scendono in sciopero per protestare la mancanza di tutele e di sicurezza. Un clima di grande incertezza prevale oggi in Nepal dove, dopo la valanga che ha ucciso 16 persone venerdì, numerosi sherpa, ed anche agenzie straniere stanno abbandonando il campo base dell’Everest. Interrogato oggi dall’ANSA sulla situazione, il direttore generale del ministero del Turismo nepalese, Madhusudhan Bullakhoty, ha spiegato che «gli sherpa stanno elaborando un lutto profondo per la morte di tanti compagni, e questo limita la possibilità di decisioni sul proseguimento o meno della stagione di spedizioni 2014». «Domani o dopodomani – ha poi indicato – una delegazione di alti responsabili di vari ministeri, si recherà al campo base per incontrare sherpa, associazioni turistiche e agenzie internazionali, ed illustrare le decisioni per migliorare le condizioni economiche, sanitarie e assicurative degli sherpa». Apparentemente, oltre al miglioramento delle polizze assicurative su vita e malattie, e l’aumento degli indennizzi alle famiglie delle vittime, il governo ha accettato la proposta della creazione di un Fondo di soccorso costituito con il 5% delle royalties riscosse (gli sherpa chiedono il 30%, ndr.). «Fra qualche giorno – ha concluso Bullakhoty – dopo l’elaborazione del lutto, si potrà verificare se c’è intesa fra le parti e se la stagione potrà essere salvata o no». Intanto testimoni oculari hanno indicato che oggi molti sherpa hanno lasciato il campo base per far ritorno ai loro villaggi, mentre l’agenzia neozelandese Adventure Consultants, ha annunciato l’abbandono dei suoi progetti 2014 per l’Everest.

Ti potrebbero interessare anche:

Siria, choc per la foto dei corpi nel fiume
MARO'/ Il governo indiano: tornino domani e la questione sarà risolta
Datagate, il padre di Snowden sta per arrivare in Russia
Dirigenti cinesi, scoppia lo scandalo. Conti segreti nei paradisi fiscali
Da giugno in carcere a Teheran per essere andata a vedere una partita di volley maschile
L'ultima di Trump, pena di morte a chi uccide poliziotti



wordpress stat