| categoria: politica

Napolitano confessa per un’ora Renzi. Sulle riforme si chiude

“Siamo un passo dal chiudere positivamente la partita delle riforme”. Matteo Renzi sale al Quirinale in una giornata difficile per la tenuta della sua maggioranza sulle riforme, ma rassicura i suoi ostentando fiducia. Il premier si dice sereno e determinato ad andare avanti. Mettere il sigillo sul pacchetto riforme (dall’Italicum al ‘restyling’ del Senato), riferiscono fonti del Pd, sarebbe un risultato storico per ottenere il quale è importante il confronto parlamentare, preservando il patto del Nazareno.

Il presidente del Consiglio tiene aperta la porta al dialogo, sia alla minoranza del Pd che a Forza Italia. La prossima che si apre sarà ricca di occasioni di confronto sulle riforme: l’incontro con il gruppo, la preparazione del seminatio del Pd. Renzi derubricale fibrillazioni a semplici pulsioni elettorali, registra il messaggio pro-riforme di Forza Italia, portato dallo stesso Berlusconi, e l’apertura di Roberto Calderoli. L’orizzonte di Renzi resta il 2018, quindi niente voto anticipato. “Abbiamo davvero troppo da fare – avrebbe detto ai suoi – troppo da cambiare per lasciarci distrarre da chi vorrebbe che non cambiasse mai nulla in questo Paese”.

Il nodo riforme. Intanto i ‘pontieri’ sono al lavoro su più fronti: da un lato per ricucire “con pazienza”, spiegano ai vertici del Pd, l’intesa con Silvio Berlusconi, dall’altro per individuare piccole modifiche al testo base del governo sulla riforma del Senato, ferma restando l’architrave, che consentano di ricompattare il Pd ed isolare i ‘pasdaran’ come Vannino Chiti. Da Ncd arriva, intanto, un invito alla prudenza: il senatore Renato Schifani ammonisce Matteo a “non cadere nella trappola dell’ex cavaliere”.

Sanare le fratture interne. Il primo obiettivo del presidente del Consiglio è mettere in sicurezza il Senato delle Autonomie dentro il Pd. Con una full immersion di incontri a partire da lunedì, quando Renzi vedrà sia Anna Finocchiaro sia Luigi Zanda, per poi affrontare personalmente i senatori e capire se ci può essere una mediazione in vista della presentazione mercoledì del testo base in commissione.

“C’è chi vuole solo visibilità ma dialoghiamo per capire se alcune proposte possano essere accolte senza stravolgere la riforma”, è la linea che il premier dà ai suoi. Se, quindi, è considerato irricevibile il ddl Chiti, che raccoglie anche il consenso di Fi e M5S, potrebbe essere invece accolta la proposta del lettiano Francesco Russo, che chiede di individuare i futuri senatori contestualmente ai consiglieri regionali all’interno dei consigli regionali.

Mano tesa a Forza Italia. In parallelo si lavora su Forza Italia. “Sulle riforme possiamo andare avanti da soli, sta a Berlusconi decidere”, hanno replicato a breve distanza Maria Elena Boschi e Angelino Alfano. Più che una minaccia, è invece una soluzione, sia per risolvere le divisioni interne sia in chiave esterna, quella indicata da alcuni renziani di andare alle elezioni. “Noi siamo pronti e non abbiamo paura”, sostiene oggi il vicesegretario Pd Debora Serracchiani, ipotizzando le urne con l’Italicum. Ma il voto anticipato, alla vigilia della presidenza italiana del semestre, non è nell’orizzonte del Quirinale. E, per ora, neppure di Matteo Renzi determinato a dimostrare che lui tenterà fino in fondo di portare a casa le riforme.

Renzi, benchè ammetta la possibilità di “piccole modifiche”, non è disposto a trattare sui cinque punti che ritiene non negoziabili a partire dalla non eleggibilità dei senatori. “I numeri ci sono se c’è la volontà politica di fare le riforme”, taglia corto il portavoce del PdLorenzo Guerini. Per la cronaca però, dei 52 ddl depositati in commissione solo tre, 2 oltre quello del governo, ricalcano il testo della Boschi. E le urne, alla vigilia del semestre di presidenza italiana della Ue, non sono alla portata. Per ora non resta che aprire al dialogo con la minoranza e poco importa se la riforma non arriverà entro il 25 maggio come voleva Renzi. “Una settimana in più non è un dramma”, avverte Boschi

Ti potrebbero interessare anche:

Pd nel caos, i saggi sceglieranno un "nome di garanzia" (Speranza?) per la segreteria
Il Meeting si schiera con Governo,"Enrico non mollare"
PA/ Finalmente tagli e trasparenza negli staff dei vertici governativi?
E-fattura, tra i ritardatari le Federazioni sportive e le province
Rush finale Italicum, Speranza: la fiducia è una grave violenza
PD: ZINGARETTI, SERVE RIGENERARE NUOVO CAMPO DI FORZE



wordpress stat