| categoria: Dall'interno

DROGA/Manca l’interprete vietnamita, rimessi in libertà

Il tribunale di Reggio Emilia non riesce a trovare l’interprete vietnamita, così il giudice non ha potuto convalidare l’arresto e ha rimesso in libertà due cittadini vietnamiti. Erano stati arrestati martedì dai carabinieri di Reggio Emilia insieme a un cinese, perchè trovati in possesso di un chilo di metanfetamina, droga sintetica utilizzata dagli orientali per poter lavorare fino a 16 ore al giorno senza sentire nè fatica, nè fame. I tre uomini, difesi dagli avvocati Matteo Marchesini e Vainer Burani, sono comparsi davanti al giudice del tribunale di Reggio Emilia, Giovanni Ghini. Il cinese, che aveva l’interprete, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Senza interprete, i due vietnamiti non hanno nemmeno potuto firmare il verbale e sono stati rimessi in libertà. È tornato libero anche il cinese, perchè non è stato possibile stabilire con certezza a chi appartenesse lo stupefacente.

Ti potrebbero interessare anche:

La Finanza sequestra ad Arezzo la villa Licio Gelli
ROMA/ Baby squillo, tutti condannati, 10 anni a Ieni, 6 a una delle madri
Sub, si spegne la speranza, resta il giallo sulle cause
Viaggi economici nascosti, Antitrust multa Trenitalia
Europei sedentari, un progetto Ue per 'convertirli'
Ucciso sulla spiaggia davanti ai bagnanti. Choc nel Vibonese



wordpress stat