| categoria: Roma e Lazio

ROMA/Prefettura, revisione ed erogazione del salario accessorio

La revisione normativa e la possibilità per le Amministrazioni locali di continuare ad erogare il salario accessorio. È quanto chiesto, in una lettera consegnata ai sindacati, dal presidente dell’Anci Piero Fassino al ministro Marianna Madia e al sottosegretario Graziano Del Rio. Lo comunica, in una nota, la Prefettura di Roma che proprio oggi ha incontrato le organizzazioni sindacali dei dipendenti di Roma Capitale che hanno proclamato lo stato di agitazione sulla questione del salario accessorio. «Il Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, unitamente al Vice Sindaco Luigi Nieri, – spiega la nota della Prefettura – nel pomeriggio ha incontrato le predette rappresentanze alle quali ha consegnato, ed illustrato, la lettera con la quale, in data odierna, il Presidente dell’Anci On.le Fassino – sensibilizzato dal Sindaco di Roma – ha posto la questione all’attenzione del Ministro della semplificazione e della Pubblica Amministrazione On.le Madia e del Sottosegretario di Stato dott. Del Rio». «Con tale nota, tra l’altro, – prosegue la Prefettura – nell’ evidenziare la rilevanza e l’urgenza della questione, è stata richiesta una revisione normativa e, nelle more, la possibilità per le Amministrazioni locali interessate di continuare ad erogare in via provvisoria il trattamento accessorio stabilito dagli accordi attualmente in applicazione. Copia della predetta nota è stata consegnata ai rappresentanti sindacali intervenuti, con riserva – conclude la Prefettura – di aggiornamenti sugli sviluppi della richiesta».

Ti potrebbero interessare anche:

VITERBO/Festa di Santa Rosa all’Enoteca dello ‘sbafo’?
Il campo rom de La Barbuta? Un lager. E la Ue ci multa
Marino perde la testa e alla Festa dell'Unità se la prende con la destra. "Che torni nelle fogn...
SCENARI/ Rutelli contro Veltroni? Magari, Il derby è Giachetti-Morassut
Tronca spiazza tutti, legalizza i mercatini abusivi e blinda i campi. Si riapre la questione Rom
cinese morta dopo lo scippo, gli aggressori non vanno in carcere: patteggiati due anni



wordpress stat