| categoria: Roma e Lazio

REGIONE LAZIO/Denuncia M5S: “Assunti 11 dirigenti senza concorso”. Zingaretti impedisce accesso agli atti

Roma - Valentina Corrado M5S alla Regione Lazio

Il governatore del Lazio non fa chiarezza sull’ipotesi di assunzioni irregolari di una decina di dirigenti avvenute nel 2008. Il M5S sul caso presenta un esposto alla procura di Roma. Continua la saga delle verità nascoste della giunta regionale Pd

E’ l’ennesima scoperta del malaffare che si svolge alla Regione Lazio. Undici dirigenti, tra i quali ci sarebbero anche due parenti di Raniero De Filippis, il dirigente coinvolto nello scandalo dei rifiuti assieme a Manlio Cerroni, sarebbero stati assunti (stipendio annuo tra i 110mila e i 78mila euro) senza un regolare concorso nel 2008, all’epoca di Marrazzo. Autore dello scoop Valentina Corrado del Movimento 5Stelle che ha presentato in merito al caso un esposto alla Procura di Roma. La Regione Lazio sulla strana vicenda aveva ricevuto una segnalazione circa 9mesi fa dal sindacato dei dirigenti regionali (Direr) ma lo stesso Zingaretti ha fatto muro negando addirittura l’accesso agli atti inerenti i dirigenti in questione. Dunque la Regione Lazio avrebbe steso un velo di omertà impedendo di fatto la trasparenza amministrativa a chiarimento di come alcune decine di persone siano potute ,di colpo, entrare in una pubblica amministrazione, con un ruolo dirigenziale.

Da quasi un anno ormai, il governatore Zingaretti non fa luce sulla carenza di documentazione che riguarda l’assunzione – sembra senza modalità e procedure previste dalla legge – di una decina di dirigenti. Il Movimento 5 Stelle è stato messo alle strette dalla mancanza di risposte politiche e istituzionali da parte della maggioranza Pd e costretto, evidentemente, alla denuncia presso la procura della repubblica di Roma affinché, finalmente, si arrivi alla verità e, soprattutto, alla responsabilità politica di chi ha autorizzato tali assunzioni. E’ comunque inevitabile domandarsi: “Perché Zingaretti si ostina a difendere quei dirigenti di cui nessun archivio della Regione Lazio è riuscito a trovare per ognuno di loro il relativo bando, la procedura concorsuale e la pubblicazione delle graduatorie?”. L’epoca in cui quei dirigenti sono entrati a servire lo Stato in via Cristoforo Colombo riguarda il governo Marrazzo-Montino, cioè il 2008. Il Pd sarebbe dunque “complice” di quelle strane assunzioni? I democrat, se cosi non fosse, dovrebbero prendere le distanze dal modus operandi di Zingaretti e convincerlo a chiarire con immediatezza l’imbarazzante caso.

La vicenda è davvero oscura. Lo spiega bene la consigliera Corrado nell’esposto: «Per molti di essi mancava qualsiasi atto, documento o evidenza del concorso di accesso nella pubblica amministrazione, che non fosse una semplice autocertificazione». Mentre i dirigenti tra il novembre e il dicembre 2008 avevano presentato – con un modello uguale per tutti – un’autocertificazione con cui vantavano l’idoneità ad un non meglio precisato concorso per dirigenti svolto in una comunità montana di cui lo stesso De Filippis era commissario liquidatore. Ma non risulta che nessun bando e graduatorie siano mai stati pubblicati sul bollettino ufficiale della Regione Lazio.

Stessi dubbi li fornisce anche Roberta Bernardeschi, segretaria regionale della Direr, sindacato dei dirigenti regionali che ha diffidato la Regione Lazio ad intervenire già lo scorso anno, nel settembre 2013. «In assenza di riscontro», spiega Bernardeschi,«abbiamo presentato un ricorso al Tar poiché ci è stato negato l’accesso agli atti inerenti i dirigenti in questione e la Regione si è opposta affidando l’incarico all’avvocato esterno Gianluigi Pellegrino, già legale del Pd e degli Angelucci, che sta sollevando una serie di eccezioni procedurali a mio avviso solo per perdere tempo. Sarebbe interesse della Regione stessa sapere se questi dirigenti sono legittimi o meno visto che li paga profumatamente ma a quanto pare non ha interesse a chiarire questa vicenda». Se fosse provata l’irregolarità dell’assunzione si parla, solo per il danno economico, di circa 7 milioni di euro. Giuseppe Cecchini Online News – 2014

Ti potrebbero interessare anche:

I tassisti voltano le spalle ad Alemanno
Esquilino, "la situazione sicurezza è al limite"
Campi rom, nel 2014 il Comune ha sprecato 8 milioni?
Non lo lascia uscire di casa, tredicenne accoltella la madre, è grave
IL PUNTO/ Sorpresa, il Giubileo dà segni di vita
Terme dei Papi, Sensi contro il comune: «Delibera inapplicabile, mancano le autorizzazioni



wordpress stat